QuiArese

Domenica 19 novembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Riapre con un nuovo look il market di via Caduti

Riapre con un nuovo look il market di via Caduti

E-mail Stampa PDF

16 agosto 2016 - Riapre oggi lo storico minimarket della Cooperativa Agricola Edificatrice di via Caduti, che a differenza degli altri anni è rimasto chiuso dal primo fino a ferragosto. Cosa che ha creato qualche perplessità tra i clienti, in particolare tra gli abitanti del centro storico per i quali il market è un punto di riferimento. Le ragioni della chiusura non sono però correlate al tradizionale periodo di ferie estivo, con, anzi, i dipendenti del negozio che hanno lavorato ininterrottamente per presentare oggi ai clienti la struttura completamente rinnovata in ogni sua parte. In occasione della riapertura abbiamo quindi incontrato il presidente della Cooperativa, Achille Vegetti, che spiega non solo le novità che troveranno i visitatori del supermercato di via Caduti ma anche tutti gli interventi effettuati in queste due settimane.

“Sono oltre due anni - premette Vegetti - che il consiglio di amministrazione ha messo all’ordine del giorno la ristrutturazione del nostro market; passo dopo passo siamo passati da una sostituzione dei frigoriferi, vecchi di oltre dodici anni, al rivedere completamente la configurazione del layout del negozio. Qualche mese fa abbiamo anche scoperto che una trave di legno posizionata nel negozio, l’unica in un edificio di cemento armato, stava manifestando segni di cedimento, per cui abbiamo sommato le due cose e abbiamo deciso di chiudere per due settimane per sostituire il legno con una trave di ferro e per ristrutturare il market. Prima di questi lavori avevamo anche l’esigenza di rifare parte della facciata di via Caduti, quella che aveva le mattonelle azzurre per intenderci, in quanto attorno alle mattonelle si evidenziavano segni di infiltrazioni d’acqua che portavano alcuni soci assegnatari ad avere umidità in casa per cui questi due mesi sono stati per la nostra cooperativa molto intensi e laboriosi”.

Per quanto riguarda lo specifico del negozio, la cooperativa è partita dalla necessità di effettuare alcuni interventi strutturali necessari, per arrivare a una completa ristrutturazione della superficie espositiva e di vendita: “Siamo partiti - spiega Vegetti - dalla necessità di sostituire i frigoriferi che iniziavano ad avere costi di gestione e manutenzione troppo alti ed erano refrigerati da un tipo di freon che era diventato illegale. Man mano che si discuteva si evidenziava però anche l’esigenza di rivedere completamente il layout del negozio, rendendolo più confacente alle richieste della nuova filosofia  distributiva. Abbiamo analizzato quindi la possibilità di riuscire a contenere i costi fissi del negozio che iniziavano a essere significativi creandoci problemi di bilanciamento costi/benefici”.

Il presidente della Cooperativa illustra quindi le novità che i clienti troveranno nel market: “Partiamo dall’intervento più semplice - prosegue Vegetti - che è stato quello di sostituire l’illuminazione neon con i Led, che renderanno il nostro market più luminoso e moderno. Confrontandoci poi con i tecnici di Coop Lombardia, esperti del ramo, abbiamo pensato che era necessario fare in modo che la parte più importante del negozio, il suo cuore se me lo permettete, che è la parte banco e ortofrutta, doveva diventare visibile, per cui abbiamo deciso di posizionare i nuovi frigoriferi dei freschi sulla parete opposta, liberando quindi due vetrine in modo che gli aresini possano vedere dall’esterno cosa capita all’interno del negozio. Per ultimo abbiamo deciso di cambiare tutta la scaffalatura con un sistema modulare più confacente alla moderna distribuzione. Per intenderci il nuovo concetto di distribuzione moderna è quello di fare tanti piccoli negozi all’interno di un negozio più grande, una specie di mercato rionale; ebbene noi abbiamo cercato di fare, in piccolo, la stessa cosa. Oggi ci mancano solo alcuni piccoli particolari per completare la scaffalatura e tutta la parte comunicazione, problema che stiamo affrontando in questi giorni. Quello che posso dire è che le due vetrine coperte dagli scaffali, oggi libere, verranno rivestite con una vetrofania che evidenzierà il nostro essere parte del mondo cooperativo”.

Oltre alla parte strutturale, il punto vendita si arricchisce però anche di nuovi prodotti: “Grazie al supporto di Coop Lombardia - conferma Vegetti - abbiamo studiato e realizzato un nuovo layout del negozio molto più funzionale del precedente e abbiamo deciso di ampliare la tipologia dei prodotti esposti. Per fare alcuni esempi molti prodotti di Libera, denominati Liberaterra, saranno, dalla riapertura, disponibili; abbiamo ampliato la gamma Solidal, prodotti che finanziano piccole cooperative del Sud del mondo; abbiamo completato le gamme Fior Fiore, che è il prodotto di gamma di Coop, Viviverde, che sono i prodotti biologici; inoltre abbiamo deciso di incrementare i prodotti del benessere e quelli per i celiaci; per finire abbiamo posizionato le stesse tipologie dei prodotti sugli stessi scaffali in modo che il socio/cliente possa avere bene evidenziato sia la qualità che i prezzo dei differenti fornitori. Abbiamo cambiato, in modo più moderno ampliandone l’area, la parte espositiva dell’ortofrutta a libero servizio. Non voglio dimenticarmi della ‘cantina dei vini’, di cui sono molto orgoglioso, che renderà più visibile la qualità del nostro vino”.

Detto degli interventi fatti in agosto, il presidente della Cooperativa anticipa anche alcune novità che saranno introdotte nei prossimi mesi: “A settembre - dice Vegetti - inizieremo a introdurre, gradualmente, il pesce fresco confezionato, entro fine anno sostituiremo le casse con un sistema molto più funzionale che permetterà il pagamento dei bollettini postali e le ricariche dei telefoni e verificheremo a breve la possibilità di far parte del mondo che utilizza un’applicazione sui telefoni cellulari per pubblicizzare i prodotti in scadenza da vendere a prezzi molto scontati. Per ultimo siamo molto sensibili a quello che è definito ‘prodotto a Km zero’; purtroppo fino a oggi non siamo riusciti a individuare produttori locali, ma continuiamo a ricercarli”.

In chiusura Vegetti, oltre a ringraziare i dipendenti per il grande lavoro svolto in queste due settimane, ferragosto compreso, annuncia anche la data alla quale sarà ufficialmente inaugurato il market ristrutturato e parla della filosofia di vendita della cooperativa: “Come i nostri soci/clienti sanno - conclude Vegetti - siamo, da sempre, molto attenti alla qualità dei prodotti che vendiamo; abbiamo la fortuna di appartenere al modo cooperativo dove l’attenzione alla qualità e all’etica è massima per cui pensiamo che la moderna distribuzione non possa prescindere da questi valori. Abbiamo cambiato la linea prezzi per renderla molto più competitiva perché sappiamo che, in un momento difficile come quello che stiamo attraversando, la spesa alimentare è molto importante per tutte le famiglie. Come ultima cosa mi consenta di ringraziare pubblicamente sia la nostra associazione, Associazione Lombarda Cooperative di Consumo, sia Coop Lombardia, che ci hanno dato un grande aiuto nella definizione sia dei fornitori sia nell’attrezzatura del nostro market; mi permetta anche un ringraziamento particolare ai nostri dipendenti che hanno, ancora una volta, dimostrato di sentirsi parte di un mondo dove disponibilità, solidarietà e valori umani hanno ancora molto senso. Il 23 ottobre del 1919 otto aresini davano vita ufficiale alla nostra cooperativa, il consiglio di amministrazione ha deciso che, dopo 97 anni, lo stesso giorno verrà riservato all’inaugurazione ufficiale del market ristrutturato; soci, clienti e aresini si aspettino sorprese positive”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_1.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...