QuiArese

Martedì 24 aprile 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Palestra su inchiesta Rent: "Pubblicheremo elenchi"

Palestra su inchiesta Rent: "Pubblicheremo elenchi"

E-mail Stampa PDF

31 ottobre 2016 - Nelle sue comunicazioni in apertura del consiglio comunale di giovedì scorso il sindaco, Michela Palestra, è intervenuta in merito a una vicenda che negli ultimi giorni ha occupato le pagine dei quotidiani nazionali, ovvero l’inchiesta Rent della Guardia di Finanza di Locri che, coordinata della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria, ha acceso i riflettori su alcuni subappalti per i lavori di realizzazione del centro commerciale di Arese. L’indagine, come racconta il Fatto Quotidiano (leggi qui), che coinvolge anche i lavori per la realizzazione di alcuni padiglioni di Expo, è partita da un’intercettazione telefonica del 18 luglio 2014 e ha portato al sequestro di beni per 15 milioni di euro alle oltre trenta persone che risultano indagate (leggi qui).

Da qui la necessità per l’amministrazione di prendere posizione su quanto sta emergendo dalle cronache giudiziarie: "A seguito delle notizie di stampa che accostano il territorio di Arese a fenomeni di  infiltrazioni di 'ndrangheta - ha esordito Palestra - confidiamo che la magistratura vada fino in fondo, faccia chiarezza, accerti tutti i reati. Come amministrazione condanniamo fermamente qualunque pratica mafiosa o illecita. Non appena appreso dalla stampa le notizie relative a possibili infiltrazioni di 'ndrangheta abbiamo attivato una verifica sugli appalti pubblici per controllare se i nomi citati a mezzo stampa sono in qualche modo coinvolti negli appalti delle opere pubbliche. Stiamo quindi approntando un elenco con i nomi delle imprese appaltatrici e subappaltatrici di opere pubbliche connesse all'accordo di programma che renderemo pubblico”.

Il sindaco ha poi annunciato l’intenzione di attivare una rete di controllo condivisa con gli altri Comuni della nostra zona: “Poiché siamo consapevoli - ha concluso Palestra - che nelle aree con grandi trasformazioni è più forte e concreto il rischio di tentativi di infiltrazioni mafiose, ci stiamo attivando per istituire una rete territoriale che coinvolga le amministrazioni della nostra area in modo da alzare ancora di più la soglia di attenzione, se possibile, sul tema, sensibilizzare e coinvolgere la cittadinanza sul tema ed esercitare il controllo e la tutela del territorio con ogni mezzo a disposizione degli enti pubblici. In relazione alla contiguità territoriale dei fatti ci consideriamo ovviamente a disposizione della magistratura inquirente qualora lo ritenesse opportuno".

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

valera_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...