QuiArese

Martedì 27 giugno 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Due associazioni aresine premiate con il Panettone d'Oro

Due associazioni aresine premiate con il Panettone d'Oro

E-mail Stampa PDF

14 febbraio 2017 - Due associazioni aresine, Maisha Marefu e i Barabba’s Clown, sono state premiate sabato scorso al Teatro dell'Arte di Milano durante la cerimonia del Panettone d’Oro 2017, un premio alla virtù civica nato per iniziativa del Coordinamento Comitati Milanesi e che quest'anno è giunto alla diciottesima edizione. “Sono due realtà - ha commentato il sindaco, Michela Palestra - che ho definito strabiche, un meraviglioso strabismo di Venere: attente ai bisogni dei più fragili, capaci di tendere la mano a chi ha bisogno vicino a noi, sul nostro territorio e allo stesso tempo capaci di sostenere chi è più debole e ha bisogno anche lontano da noi in altri continenti”.

Il sindaco fa riferimento alle attività delle due associazioni, con la prima attiva in Africa e la seconda sul territorio. “Come spesso accade - prosegue Palestra - chi è capace di tendere la mano con generosità a chi ha bisogno, non vede confini e non erige muri, si spende con tenacia e determinazione riuscendo in qualcosa che assomiglia a una magia, moltiplicando forze ed energie. In un panorama che guarda alle realtà solidali e virtuose di tutta la città metropolitana, Arese dimostra di avere un cuore grande e delle eccellenze. Davvero un onore per tutti noi cittadini. A tutti coloro che si mettono a disposizione di queste realtà e contribuiscono al loro lavoro e alla loro azione, un grande grazie”.

Maisha Marefu è un'associazione nata nel 2009 dalla generosità di tre dottoresse di Arese, Cristina Cappelletti, Agnese Robustellini e Rossella Ventricelli e dalla loro passione per l'Africa e la voglia di dare un aiuto concreto. Anno dopo anno riescono a trasformare questo loro desiderio in una realtà importante (nel 2011 Maisha Marefu diventa Onlus) capace di realizzare centri di prima medicina gestiti da operatori locali e progetti di alfabetizzazione delle donne, oltre a ristrutturare centri di accoglienza per  orfani. Oltre allo storico gruppo allargato che conta altre 10 donne che si affiancano alle tre fondatrici, ogni anno l'associazione riesce a coinvolgere un numero sempre maggiore di volontari ben oltre il territorio di Arese.

I Barabba's clown sono invece un’associazione nata da un lavoro di ricerca teatrale incominciato nel 1979 presso il Centro Salesiano di Arese, casa di accoglienza per ragazzi e giovani in difficoltà, grazie a Don Vittorio Chiari, che ha capito come l’arte del teatro potesse rappresentare una straordinaria occasione di riscatto per ragazzi in difficoltà, alla ricerca di una occasione per riscoprire sé stessi e reinventarsi un ruolo nella società. Grazie alla passione dell’educatore e attore Bano Ferrari, ragazzi e giovani messi con troppa facilità al margine, considerati “guasti” dalla gente perbene, hanno scoperto attraverso la figura del clown di avere dentro di sé una qualità da donare in misura abbondante a chi incontrano, quella del sorriso. Oggi l'associazione Barabba's Clowns svolge attività teatrali all'interno dello Centro Salesiano di Arese e in molte scuole del territorio. Organizza corsi di clownerie, acrobatica, giocoleria, recitazione. Tutte le attività sono tese al superamento delle difficoltà e a far emergere le qualità di ogni persona. L'impegno a supporto dei più fragili ha portato i Barabba’s Clows a collaborare con l’Operazione Mato Grosso  e in Rwanda. Dal 2008 ha aperto tre luoghi di accoglienza (alloggi per l'autonomia) per giovani e mamme in difficoltà, promuove una rete di famiglie per l'accoglienza e collabora attivamente con i servizi sociali territoriali.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

alfa_romeo.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...