QuiArese

Lunedì 1 maggio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca "Arese per il terremoto", tutte le iniziative in corso

"Arese per il terremoto", tutte le iniziative in corso

E-mail Stampa PDF

17 febbraio 2017 - Nei giorni scorsi si è tenuto un nuovo incontro del gruppo di lavoro che si sta occupando della raccolta di aiuti a favore delle popolazioni colpite dal sisma in centro Italia. I volontari dell'Associazione Nazionale Alpini, dell'Associazione Nazionale Carabinieri, dell'Associazione Maisha Marefu e del Rotary club Garbagnate Groane, insieme all’assessore Roberta Tellini e alla presidente del consiglio comunale, Veronica Cerea, hanno fatto il punto su quello che è stato fatto e quello che resta da fare.

“Come anticipato in precedenza - spiegano Tellini e Cerea - la priorità in questo momento è costruire moduli prefabbricati e fornire gli strumenti necessari ai soccorsi e alla Protezione civile, oltre ad altro materiale per le scuole, in base all'elenco fornito dai Comuni coinvolti”.

Le aree di intervento identificate sono principalmente tre, il “Villaggio Arese”, la raccolta fondi per l’acquisto di materiali di supporto a chi opera nella zona e alle scuole e la raccolta di indumenti in buono stato. Al progetto del “Villaggio Arese” saranno destinati i fondi raccolti con Arese in festa, che verranno utilizzati per l’acquisto di moduli prefabbricati, abitativi o per altri usi quali spogliatoi, locali di aggregazione e via dicendo. Vista la grande disponibilità di tanti cittadini e volontari a continuare nella raccolta fondi, il Comune ha proposto di “adottare” uno dei Comuni più piccoli e, in accordo con il Comune di Montereale, nell'area adiacente all'attuale tensostruttura che ospita circa 20 famiglie, nascerà quindi il “Villaggio Arese”, un'area di moduli prefabbricati per ricostruire il senso di comunità delle tante famiglie così provate da queste calamità. L'obiettivo è fornire moduli abitativi, ma anche moduli per spazi condivisi dove bere un caffè o leggere insieme un libro. Ora si apre anche la possibilità per i cittadini, singolarmente o uniti in più famiglie, gruppi o associazioni, di acquistare una singola “casetta” da destinare a una delle famiglie attualmente ospitate presso la tensostruttura o per altri usi. I dettagli di questa iniziativa saranno resi noti a breve.

L’altra area di intervento è la raccolta fondi per l’acquisto del materiale richiesto dalla Protezione Civile e del materiale per le scuole, oltre che per altri moduli prefabbricati. Le donazioni sono libere: ognuno, secondo le proprie disponibilità, potrà donare quello che ritiene opportuno. I fondi raccolti saranno destinati all'acquisto del materiale richiesto dai Comuni con cui è in contatto l’amministrazione aresina, e all'acquisto di altri moduli prefabbricati. A titolo esemplificativo tra le richieste ci sono sacchi a pelo, torce Led, coperte e generatori di corrente. Per le scuole sono stati invece richiesti libri per bambini e ragazzi, oltre a giochi per la palestra. Le donazioni possono essere fatte nell'urna allestita presso il Centro civico o tramite bonifico sul conto corrente dell'Associazione Maisha Marefu onlus (IBAN: IT50 R033 5901 6001 0000 0102049), indicando come causale “Donazione solidale pro terremoto”. In questi casi ai donatori sono riconosciute agevolazioni fiscali, in occasione della dichiarazione dei redditi.

La terza area di intervento è rappresentata dalla raccolta di indumenti in buono stato. Che, pur se attualmente non è considerata una priorità, rimane comunque utile. e persone che hanno conservato vestiti o altri indumenti in buono stato e lavati da donare, possono consegnare i pacchi al Centro civico. Per poter agevolare le operazioni di raccolta, il materiale deve essere riposto in una scatola, indicando all'esterno il contenuto. In questo modo per i volontari sarà più semplice classificare il materiale per categorie, prima di organizzare il trasporto verso le cittadine colpite. Per le donazioni e la raccolta di indumenti i volontari delle quattro associazioni saranno disponibili presso il Centro civico di via Monviso 7 a partire da venerdì 24 febbraio fino a domenica 5 marzo nei seguenti orari: da lunedì a giovedì dalle 17.00 alle 19.00, venerdì dalle 20.00 alle 21.30, sabato e domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 17.00.

Tra le altre iniziative segnaliamo che la raccolta fondi continuerà anche con momenti culturali dedicati. Ad esempio il prossimo sabato 11 marzo si esibirà il Coro dell'Associazione Nazionale Alpini, mentre sono ancora in via di definizione le date per uno spettacolo teatrale e per un concerto musicale a cura del Rotary club Garbagnate Groane.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

alfa_romeo.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...