QuiArese

Mercoledì 13 dicembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Cede il tetto, municipio vecchio a rischio crolli

Cede il tetto, municipio vecchio a rischio crolli

E-mail Stampa PDF

25 settembre 2017 - Un cedimento improvviso e l’ala vecchia del palazzo comunale è stata evacuata e chiusa sia al pubblico sia ai dipendenti. Il tetto dell’edificio, risalente al 1909, ha infatti evidenziato dei cedimenti nelle tre capriate che sostengono la copertura. Così qualche giorno fa è stato ordinato lo sgombero precauzionale, e per mettere in sicurezza anche l’esterno, tenendo lontane le persone dallo stabile, sono state posizionate transenne in piazza Carlo Alberto Dalla Chiesa e sul lato di via Roma. La situazione è comunque sotto controllo. La verifica statica eseguita per conto del Comune evidenzia che al momento la capacità delle tre capriate di trasferire sollecitazioni è ancora sufficiente, ma in caso di precipitazione nevose, ovviamente quanto meno improbabili in questo periodo, o di condizioni meteo straordinarie le cose potrebbero cambiare rapidamente. La relazione evidenzia anche come sia necessario effettuare rilievi più approfonditi per poi agire di conseguenza. Nel frattempo i disagi sono inevitabili.

In questi ultimi giorni i cittadini che sono venuti in Municipio avranno notato alcuni spostamenti degli uffici,” si legge sulla pagina Facebook del Comune. “Ci scusiamo per il disagio, ma ciò è dovuto alla necessità di eseguire importanti lavori di manutenzione del tetto della parte vecchia dell’edificio comunale, risalente al 1909”.

Gli uffici interni sono quindi stati riorganizzati. L’ufficio del sindaco e la sua segreteria si trovano al secondo piano a destra, nell’ala più moderna, così come gli uffici del vicesindaco, della presidente del consiglio e del segretario generale. Al primo piano sulla destra si trovano invece l’ufficio degli assessori, servizio bilancio e programmazione finanziaria, servizio provveditorato, servizio risorse umane, partecipate e controllo. L’ufficio cultura è stato spostato al secondo piano a destra, mentre sullo stesso piano di fronte alla scala si trovano l’ufficio sport e servizio supporto giuridico. L’Ufficio Relazioni con il Pubblico (Urp) è nell’atrio del palazzo. In via Col di Lana, presso gli Uffici Servizi Sociali sono invece stati spostat il servizio case e patrimonio, lo sportello di mediazione e lo sportello Afol.

Confidiamo nella pazienza dei dipendenti e dei cittadini”, conclude la nota del Comune, “consapevoli che si sta intervenendo per migliorare la loro sicurezza e per preservare il bene pubblico”. Al momento non si conoscono ancora i tempi di ripristino.

 

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

parco_einaudi.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...