QuiArese

Mercoledì 13 dicembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Sabato 7 partirà il progetto dell'Alzheimer Café

Sabato 7 partirà il progetto dell'Alzheimer Café

E-mail Stampa PDF

03 ottobre 2017 - Prenderà il via il prossimo sabato 7 ottobre, presso la Casa di Riposo Gallazzi-Vismara, l’iniziativa dell’Alzheimer Café, un progetto presentato dall’amministrazione nello scorso mese di marzo (leggi qui). In mesi intercorsi da quella data sono serviti principalmente alla formazione, curata, dagli specialisti del Centro Regionale Alzheimer di Passirana, di un gruppo di cittadini volontari che hanno deciso di dare il loro supporto al progetto.

“Auspichiamo - spiega il sindaco, Michela Palestra - che l’articolato percorso che ha permesso che anche ad Arese si inizi a sperimentare questa esperienza di sostegno ai malati di Alzheimer e ai loro familiari possa essere accolta dalle famiglie, affaticate dai carichi di cura dei propri cari e spesso isolate nel vivere questa malattia, come un’opportunità importante da cogliere, superando anche il senso del pudore e di solitudine che spesso impedisce di vivere serenamente anche in contesti sociali comunitari”.

Le attività si svolgeranno presso la Casa di Riposo Gallazzi Vismara, il sabato pomeriggio dalle 14.30 alle 16.30, a cadenza quindicinale, e si concluderanno il 17 marzo 2018. Ai partecipanti affetti dal morbo di Alzheimer verranno proposte attività di stimolazione di varia natura, ma accomunate dall’utilizzo di diverse forme di espressività quali strumento terapeutico: l’arteterapia, la danzaterapia e la musicoterapia. Le attività saranno svolte da operatori specializzati ed esperti che, per favorire una migliore gestione del gruppo, saranno supportati dai volontari precedentemente formati.

Contemporaneamente i familiari potranno condividere le proprie esperienze e le difficoltà che vivono nell’assistenza dei loro cari, ma soprattutto ricercare le risposte ai problemi posti dalla malattia e i modi di gestire i momenti difficili grazie alla presenza di diversi professionisti con cui confrontarsi e aprire un dialogo. In particolare, si alterneranno durante il percorso interventi a cura di un gruppo di medici, di una psicologa, di un’infermiera e di un’assistente sociale. Ogni incontro si concluderà con un momento conviviale in cui malati, familiari, volontari e operatori potranno incontrarsi e stare insieme.

“L’esperienza dell’Alzheimer Cafè - commenta l’assessore alle Politiche sociali, Barbara Scifo - rappresenta una sfida per la nostra città: significa provare a generare servizi di welfare di prossimità basati non solo sulle prestazioni di specialisti, ma sull’alleanza con la comunità, che fa rete intorno ai malati di Alzheimer e alle loro famiglie per contribuire a farli star bene e farli sentire parte di una città amica”.

Gli interessati per ricevere maggiori informazioni o per effettuare la prenotazione per partecipare all’Alzheimer Café di Arese, potranno rivolgersi, dal prossimo lunedì 18 settembre, allo sportello istituito presso la Casa di riposo, il lunedì dalle 10.30 alle 12.00 e il mercoledì dalle 17.00 alle 18.30. Per informazioni è anche possibile chiamare il numero 02-93527203, il lunedì dalle 10.30 alle 12.00. Lo sportello è gestito dai volontari, in raccordo con i Servizi sociali di Arese e i medici del Centro Regionale Alzheimer di Passirana. Le domande presentate verranno infatti valutate dagli specialisti di Passirana per poter costituire il gruppo più idoneo a beneficiare degli incontri.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...