QuiArese

Domenica 19 novembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Al TechCafé un ottobre dal gusto bavarese

Al TechCafé un ottobre dal gusto bavarese

E-mail Stampa PDF

20 ottobre 2017 - Birra e bretzel. Questo abbinamento è alla base di un’interessante iniziativa che il QuiArese TechCafé propone per tutto il mese di ottobre. Complice il clima da “Oktoberfest” che si respira in questo periodo, il locale aresino offre il tipico pane molto diffuso nei paesi di lingua tedesca abbinato a birra alla spina di produzione italiana (Moretti e Moretti La Rossa) e a birre particolari come la Ichnusa Non Filtrata, la Ipazz 83 e la Reale. Il bretzel (chiamato anche brezel, o pretzel) viene servito appena sfornato e può essere accompagnato da burro e salumi. Si tratta di un’ottima occasione per scoprire nuovi sapori senza svuotare il portafogli. Fino al 31 ottobre, infatti, l’accoppiata birra&bretzel è in offerta tutti i giorni dalle 18.00 alle 20.00 a prezzi davvero speciali. La birra alla spina viene proposta a 1,50 e 2,50 euro, rispettivamente piccola e media, senza distinzione tra bionda e rossa, mentre le artigianali costano solamente 3,00 euro. Per un bretzel basta aggiungere un euro, che diventano 1,50 o 2,00 se si vuole aggiungere burro o qualche fetta di buon salume italiano, dallo speck al prosciutto crudo, dal cotto al tipico salame Golfetta.

Il bretzel è un pane a forma di un anello con le due estremità annodate. La sua origine si colloca nei monasteri del sud della Francia e del nord Italia, intorno al 610, dove i monaci producevano con i resti dell'impasto delle striscioline che ricordavano le braccia di un monaco incrociate. Solo in seguito questo pane varcò le Alpi e si diffuse in Germania e Austria. Prima consumati mezzi crudi, i bretzel divennero tostati grazie a un fornaio che si addormentò sul posto di lavoro. Ritratti anche in un libro di preghiere, si dice che fossero augurio di fortuna, prosperità e completezza spirituale.

Venendo alle birre, la Moretti è nata nel 1859. Da quella data il processo produttivo è rimasto del tutto invariato per restituirci integro il sapore di un’epoca. Birra Moretti Ricetta Originale è una birra a bassa fermentazione, ottenuta dalla miscela di luppoli pregiati, che le danno un gradevole sapore finemente amaro e bilanciano, con note floreali, gli iniziali profumi di malto d’orzo. Il gusto inconfondibile di Birra Moretti La Rossa è invece ottenuto grazie a un “colpo di fuoco” a 105°C. Il risultato è il tipico colore brunito di questa birra, che ha un gusto morbido e pieno, con sentori di caramello e liquirizia, in perfetto equilibrio tra dolce e amaro. I suoi profumi sono ricchi e strutturati: le iniziali note di lampone, frutta candita e caramello, conducono a sensazioni di frutta secca e liquirizia.

Sul fronte artigianale, l’Ipazz 83 è un India Pale Ale prodotta in Italia che si caratterizza per armoni di pino e agrumi con un sapore fruttato al mango. Con un colore ambrato tendente all’arancio, l’Ipazz 83 è realizzata con malti d’orzo e luppoli continentali e americani.

Ispirata alle tradizionali India Pale Ale inglesi di fine '700, birre caratterizzate da un’abbondante luppolatura, la Reale viene personalizzata con l’impiego di luppoli aromatici americani. Nel bicchiere si presenta ambrata, con riflessi vivi. Al naso sono presenti note agrumate (pompelmo e arancia) e pepate. In bocca la gasatura è bassa, in omaggio alle birre d’oltremanica: c’è un buon corpo, con un lungo percorso verso l’amaro finale, intenso e molto persistente.

Infine, la Ichnusa Non Filtrata è una birra corposa perché fatta con puro malto d’orzo. Non essendo filtrata, presenta un aspetto piacevolmente velato grazie ai lieviti rimasti in sospensione. Offre una bevuta morbida con una lieve nota amara nel finale.

Birra e bretzel si possono gustare ad Arese in via dei Caduti 6.

 

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

parco_einaudi.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...