QuiArese

Martedì 23 ottobre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca I sindaci del nordovest discutono del futuro dell'area Expo

I sindaci del nordovest discutono del futuro dell'area Expo

E-mail Stampa PDF

09 febbraio 2018 - Quale futuro per l'area ex Expo? Ne hanno parlato a inizio mese i sindaci dei 16 Comuni che aderiscono al Patto per il Nord Ovest Milano, tra i quali quello di Arese, Michela Palestra. Che hanno fatto visita a Cascina Triulza per incontrare il consiglio di amministrazione di Fondazione Triulza, con l’obiettivo di valutare insieme opportunità e sinergie in vista dello sviluppo dell’area Expo e della creazione di un Parco internazionale della Scienza, del Sapere e dell’Innovazione. All’incontro hanno partecipato anche i vertici di Arexpo, la società pubblica proprietaria delle aree, e di LendLease, società internazionale che si è aggiudicata il concorso per la trasformazione del sito.

Tra i primi ambiti di collaborazione individuati, l’organizzazione di iniziative pubbliche per coinvolgere i cittadini, i bambini e i territori sulla legacy e sui futuri contenuti del nuovo Parco e la partecipazione degli enti locali alle attività dell’Officina dell’Impatto Sociale e Ambientale, un percorso di lavoro partecipato con cui Fondazione Triulza intende accompagnare le trasformazioni urbanistiche e funzionali dell’area Expo.

“Arexpo e tutte le istituzioni coinvolte nella definizione del Post Expo - ha detto Pietro Romano, sindaco di Rho e presidente del Patto per il Nord Ovest Milano - tra cui anche Fondazione Triulza, hanno saputo dimostrare concretezza e grandi capacità nella definizione del masterplan per far sorgere in quest’area un Parco della Scienza, della Conoscenza e dell’Innovazione, dimostrando di poter lavorare in modo assolutamente sinergico. La sfida, che tutti i Comuni del Patto del Nord Ovest Milano hanno davanti, è quella di fare in modo che questo progetto sia un volano economico e di rigenerazione urbana per tutto il territorio circostante e sono convinto che così sarà. L’incontro ha già messo in luce alcuni ambiti di collaborazione per coinvolgere i nostri cittadini, adulti e non, sul futuro del nuovo Parco e per intraprendere un percorso innovativo con Fondazione Triulza attraverso l’Officina dell’Impatto Sociale e Ambientale, che affiancherà anche dal punto di vista sociale i grandi cambiamenti previsti nell’area”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...