QuiArese

Martedì 16 ottobre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Liceo Russell-Fontana: una conferenza sulla mafia

Liceo Russell-Fontana: una conferenza sulla mafia

E-mail Stampa PDF

28 marzo 2018 - Lo scorso 12 marzo si è tenuta una conferenza presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Bertrand Russell” riguardante “La presenza della mafia nel Nord Italia tra politica ed economia” a cura di Mario Portanova, giornalista del Fatto Quotidiano, e Joselle Dagnes, una giovane ricercatrice all’università di Torino.

Durante la conferenza i relatori hanno esposto le analogie e le differenze tra le caratteristiche della mafia nel nord Italia e di quella nel sud e, soprattutto, hanno descritto l’evoluzione dell’organizzazione mafiosa dagli anni novanta ad oggi. E’ stato, infatti, detto come la mafia al nord abbia perso la connotazione più “pubblicamente violenta” che aveva al sud negli anni 80 e 90 e abbia, invece, acquistato un maggiore controllo economico su buona parte del nord Italia e principalmente sulla Lombardia. Si è parlato dell’infittirsi dei rapporti tra mafia, politica, pubblica amministrazione e settore edile, della formazione di una “area grigia”. Questo termine è stato utilizzato per indicare sia un insieme di collusioni, che un’area geografica in cui la differenza tra legalità e illegalità sfuma e la collaborazione con la mafia è così stretta che tutti coloro che hanno una parte attiva nei rapporti sopra elencati (e non solo l’organizzazione mafiosa) ne traggono un qualche beneficio.

Dagli studenti presenti alla conferenza sono emerse diverse domande tra cui una sull’influenza che hanno avuto i grandi processi, come quelli successivi agli attentati degli anni 90 o “Mani Pulite”, sull’operato della mafia. La risposta è stata che non si è verificata una battuta d’arresto ai traffici illegali, ma semplicemente, possiamo dire, un adattamento e un’evoluzione dei metodi adoperati. Le organizzazioni criminali ricorrono tuttora a pratiche intimidatorie per il racket o per aggiudicarsi appalti o concessioni dai Comuni e dallo Stato, ma agiscono più “in sordina”, senza atti eclatanti come i già citati attentati. Un aspetto interessante della serata è stata la numerosa affluenza e la partecipazione degli studenti del liceo, sintomo che la tematica proposta è molto considerata anche dai giovani d’oggi.

Servizio di Riccardo Paolucci ed Emanuele Rottigni

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_centro_storico.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...