QuiArese

Giovedì 13 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Ad Arese è possibile registrare il proprio testamento biologico

Ad Arese è possibile registrare il proprio testamento biologico

E-mail Stampa PDF

31 maggio 2018 - Il Comune di Arese ha attivato le procedure necessarie per consentire a chi lo desiderasse di registrare il proprio testamento biologico. La materia è disciplinata da una legge entrata in vigore il 31 gennaio 2018 e che disciplina il consenso informato e le disposizioni in merito alla Dichiarazione anticipata di trattamento (DAT), ovvero appunto quello che è noto come testamento biologico.

Questa legge tutela il diritto alla vita, alla salute, alla dignità e all’autodeterminazione della persona e stabilisce che nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata, tranne che nei casi espressamente previsti dalla legge. Consenso che una persona potrà esprimere anticipatamente facendo registrare neo Comuni il proprio testamento biologico, e cioè l’espressione della propia volontà circa le terapie sanitarie che si intende o non si intende ricevere nel caso non si sia più in grado di prendere decisioni o non le si possa esprimere chiaramente, per una sopravvenuta incapacità.

Ma come funziona all'atto pratico la redazione del proprio testamento biologico? In sostanza chi lo volesse predisporre dovrà procedere alla redazione di un atto pubblico o una scrittura privata autenticata, che in sostanza significa preparare uno scritto con le proprio volontà che dovrà essere consegnato personalmente all’Ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza, o anche presso una strutture sanitaria.

La facoltà di predisporre il proprio Dat è concessa a tutte le persone maggiorenni capaci di intendere e di volere che, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, potranno esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto agli accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari.

Ad Arese tutti i cittadini potranno perciò presentare la propria Dichiarazione Anticipata di Trattamento al Servizio Anagrafe – Stato Civile – Elettorale e Leva via Caduti 4, consegnandola in busta chiusa e disponendo di un documento di identità in corso di validità. Gli uffici sono aperti il lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì dalle 8.30 alle 12.00, il martedì dalle 16.00 alle 18.00 e il sabato dalle 8.30 alle 11.30.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

alfa_romeo.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...