QuiArese

Giovedì 13 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca Dopo la Mille Miglia la storia Alfa torna a La Pista

Dopo la Mille Miglia la storia Alfa torna a La Pista

E-mail Stampa PDF

31 maggio 2018 - "La Pista" di Arese sempre più votata alla rievocazione storica del mondo della velocità. La struttura organizza infatti un nuovo evento dedicato a "L'Alfa Romeo e le corse", che aprirà al pubblico il prossimo venerdì 1 giugno e chiuderà sabato 16. Protagonista sarà la Scuderia del Portello, che rappresenta la storia sportiva della casa del Biscione.

I primi 15 giorni dell'evento saranno esclusivamente espositivi, con una mostra allestita presso l'area eventi del Centro dove saranno esposte sette autovetture che hanno fatto la storia dell’agonismo automobilistico di Alfa Romeo. I modelli che potranno essere ammirati dagli appassionati sono un'Alfa Romeo 75 Turbo Super Turismo, una 147 Super Produzione, una 156 Super Produzione, una AMS Alfa Romeo Sport Prototipo, una De Tomaso F1 Alfa Romeo, una Alfa Romeo Giulietta Sprint Speciale “Low nose” e una Giulia GTA 1300 Junior. A fare da contorno alle auto ci saranno testi e immagini provenienti dal Centro Documentazione Alfa Romeo, che accompagneranno il visitatore nel percorso espositivo, ripercorrendo così la storia del Biscione nelle corse.

L'evento avrà il suo clou nella giornata finale di sabato 16, quando, dalle 10.00 alle 16.00, si svolgerà presso la pista un raduno di auto storiche a marchio Alfa Romeo e non, che in regime di safety car potranno scendere in pista per mostrare al pubblico le loro alte prestazioni. Dalle 16.00 alle 18.00 infine, i clienti de Il Centro potranno provare l’ebrezza e l’emozione del diventare co-piloti a bordo di una delle potenti auto della Scuderia che si esibiranno in uno show dinamico. Per partecipare a questa iniziativa è necessario iscriversi sul sito www.centroilcentro.it.

Questa manifestazione segue di due settimana il passaggio della Mille Miglia da Arese. Con la quale, nella cornice di una grande partecipazione di pubblico, presso il pistino del Museo Sorico dell'Alfa Romeo, lo scorso 19 maggio la casa del Biscione ha festeggiato i novant’anni dalla sua prima vittoria nell’edizione del 1928 della storica corsa. Un festeggiamento coronato dalle tre Alfa Romeo che, all’arrivo finale a Brescia, sono salite sul podio, che ha visto vincitori gli argentini Juan Tonconogy e Barbara Ruffini su un’Alfa Romeo 6C 1500 GS Testa Fissa, del 1933.

Alla gara hanno preso parte 450 automobili che, partite mercoledì, hanno percorso in quattro giorni, come un grande museo viaggiante, più di 1.700 km sul tracciato Brescia-Roma-Brescia e sono passate per la prima volta da Milano, con una sosta in piazza Duomo, arrivando poi, vero le ore 11 di sabato mattina ad Arese, prima di ripartire per Brescia. Le auto hanno sfilato sulla pista interna del museo dell’Alfa di Arese, offrendosi agli applausi degli spettatori accalcati lungo tutto il percorso.

Si è trattata di una vera e propria rievocazione storica poiché hanno partecipato tutti i modelli che hanno corso nelle 24 Mille Miglia disputate tra il 1927 e il 1957, anno in cui la corsa fu interrotta perché ritenuta troppo pericolosa. Numerose naturalmente le Alfa Romeo sfilate, d’altra parte il marchio italiano ha conquistato ben 11 vittorie su 24 edizioni della gara storica. Non sono comunque mancati gli altri marchi storici come la Bugatti, Aston Martin, Maserati, Mercedes e le Fiat con alcuni modelli 1100, e non solo.

Curiosi alcuni modelli, come una Fiat 600 Multipla agghindata e attrezzata come fosse un antico venditore ambulante. Gli inglesi Steven O’Leari e Robert Eels, a bordo di una Healey 2400 Silverstone del 1950 hanno suscitato molta ilarità indossando una maschera di Meghan Markle e il principe Harry, che proprio in quelle ore celebravano il matrimonio nel Regno Unito.

Tra i piloti, famosi il cantante italiano Piero Pelù del gruppo rock Litfiba al volante di una Giulietta sprint del 1955 e il bassista dei Coldplay, gruppo rock britannico, Guy Berryman insieme al pilota professionista Derek Hill su un’ Alfa Romeo Sport Spider del 1954.

Servizio e foto di Ilaria Spina

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

 

 

 


 

Arese, la nostra città

parco_einaudi.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...