QuiArese

Martedì 18 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Cronaca Cronaca La Casa di Riposo ora offre anche assistenza a domicilio

La Casa di Riposo ora offre anche assistenza a domicilio

E-mail Stampa PDF

03 dicembre 2018 - L'amministrazione ha recentemente annunciato un'importante novità in merito ai servizi offerti dalla Casa di Riposo Gallazzi Vismara, che espande le proprie attività anche verso le persone bisognose di assistenza che risiedono all'esterno della struttura. Dal punto di vista pratico quello che offrirà ora la Casa di Riposo sarà l'estensione dei suoi servizi anche presso il domicilio delle persone che ne avessero bisogno oppure ospitandole temporaneamente all'interno dei propri spazi. Potranno beneficiare di questo tipo di assistenza le persone affette da demenza certificata, le persone di età pari o superiore ai 75 anni completamente non autosufficienti e chi si occupa dell’assistenza dell’anziano.

Il progetto, che prende il nome di “RSA Aperta”, prevede che gli anziani e e le loro famiglie, se ritenuti idonei, potranno beneficiare di una serie di servizi sanitari e socio-sanitari presso la propria abitazione o presso la Casa di Riposo Gallazzi Vismara, erogati dal personale della RSA, che ha recentemente ottenuto l’accreditamento come Ente erogatore da parte del Sistema Sanitario Lombardo. Lo scopo dell'iniziativa, prevista ai sensi della DGR 7769/2018 di Regione Lombardia, è quello di sostenere la permanenza al domicilio della persona il più a lungo possibile, con l’obiettivo di rinviare nel tempo la necessità di un ricovero in una struttura residenziale, grazie all’attivazione di un set di prestazioni in modalità personalizzata e flessibile, in relazione alla tipologia di bisogno di ciascun beneficiario.

Le prestazioni sono destinate a persone con demenza certificata e ad anziani non autosufficienti di età pari o superiore a 75 anni, riconosciuti  invalidi civili al 100 cento per cento. Requisito indispensabile per poter fruire degli interventi è che venga individuata una figura di riferimento, famigliare o professionale, che si prenda stabilmente cura del destinatario degli interventi, cui verrà offerto accompagnamento qualificato e professionale. La Casa di Riposo provvederà a verificare preventivamente i requisiti di accesso, e di eventuali incompatibilità, e a effettuare la valutazione multidimensionale, cui seguirà in caso di idoneità, la predisposizione di un progetto Individuale (PI) e conseguentemente di un Piano Assistenziale Individuale (PAI), da condividere con l’interessato o con la famiglia, con l’indicazione di modalità e dei tempi di attuazione degli interventi programmati.

Le prestazioni erogabili si differenzieranno in base alla tipologia di pazienti e alla gravità della demenza e prevedono il coinvolgimento di diverse figure professionali, in base ai bisogni: dal medico geriatra, l’infermiere e l’assistente domiciliare (ASA/OSS) al fisioterapista, lo psicologo e l’educatore. Le attività di cura potranno essere erogate, non solo al domicilio, ma anche all’interno degli spazi comuni o appositamente dedicati all’interno della RSA. Gli interventi della "RSA Aperta" presso il domicilio sono a carico della ATS Città metropolitana Milano. L’utenza potrà pertanto beneficiare del servizio senza oneri o costi di compartecipazione. Saranno richiesti invece oneri a totale carico della persona qualora i familiari richiedano prestazioni extra rispetto a quelle previste dal progetto condiviso. Per i servizi erogati in struttura presso il Centro Diurno, in base al progetto assistenziale, è richiesta una compartecipazione economica secondo la delibera regionale.

“Sosteniamo da tempo - commenta il sindaco, Michela Palestra - l’importanza di rispondere ai sempre più diffusi e urgenti bisogni di assistenza e cura dei nostri concittadini anziani che risiedono al proprio domicilio attraverso il rafforzamento delle prestazioni sociosanitarie a loro favore. Affiancando i servizi già disponibili sul territorio abbiamo individuato nella nostra RSA Gallazzi Vismara, struttura di eccellenza riconosciuta nel territorio, il soggetto che potesse farsi carico di questa risposta”.

“Con l’avvio della misura della RSA Aperta da parte della nostra Casa di riposo - aggiunge l'assessore alle Politiche Sociali, Veronica Cerea - si dà dunque seguito all’indirizzo politico dell’amministrazione di voler estendere le funzioni e le competenze della struttura anche a favore del territorio, grazie alla capacità dell’Azienda Speciale Gallazzi Vismara di strutturarsi anche per erogare questi nuovi servizi”.

“Siamo molto orgogliosi - dichiara il presidente del Cda della Casa di Riposo, Roberto Mori - del raggiungimento di questo nuovo obbiettivo per la nostra Casa di Riposo Gallazzi Vismara, che da molto tempo sta lavorando per l’ampliamento della sua missione, mettendo a disposizione le sue competenze e risorse professionali a favore delle persone fragili assistite a casa, per dare sollievo e sostegno a chi si prende cura di loro cercando di ritardare l’ingresso in una struttura residenziale".

“L’avvio del nuovo servizio della RSA Aperta - conclude Andrea Segrini, direttore dell'Azienda Speciale - è il risultato dell’impegno profuso da tutta la struttura che con questa nuova unità di offerta raccoglie la sfida importante di estendere il suo raggio di azione aprendo, da un lato, le sue porte anche a chi non è ricoverato in struttura e dall’altro entrando nelle case delle famiglie aresine che hanno bisogno di sostegno assistenziale”.

Per ricevere informazioni in merito al progetto di RSA Aperta è possibile contattare l’Ufficio Relazioni con il Pubblico della Casa di Riposo Gallazzi Vismara al numero 02-931931, il lunedì dalle 9.00 alle 18.00, e da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 16.00.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_centro_storico.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...