QuiArese

Sabato 16 dicembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Dal Comune Dal Comune In 67 rispondono su trasparenza e comunicazione

In 67 rispondono su trasparenza e comunicazione

E-mail Stampa PDF

26 gennaio 2016 - Il Comune ha reso noti i risultati del sondaggio su trasparenza e strumenti di comunicazione, al quale gli aresini erano stati invitati a votare dal 21 novembre al 12 dicembre 2015 (leggi qui). Il primo dato da analizzare, visto che uno dei temi del sondaggio era valutare l’efficacia comunicativa degli strumenti adottati dal Comune, è quello relativo a quanti aresini hanno risposto alle domande proposte sia online che tramite modulo cartaceo. Ebbene in totale al sondaggio hanno partecipato 67 aresini, 53 dei quali hanno risposto online, con i restanti 14 che hanno, invece, scelto di utilizzare il questionario cartaceo. A livello di profilazione due terzi dei partecipanti sono uomini; per quanto riguarda invece le fasce di età, prevalenti gli over 50, che rappresentano circa la metà del totale del campione. L’alta età media di chi ha risposto è confermata anche dal dato relativo all’occupazione, con il 30 per cento del campione che è si dichiara pensionato.

La relazione che accompagna i risultati, oltre a sottolineare che per la metodologia applicata il sondaggio non ha valenza scientifica ma serve per raccogliere suggerimenti dai cittadini per poi attivarsi per apportare miglioramenti e correttivi, evidenzia come l'accesso al sito istituzionale è dettato fondamentalmente dal bisogno di cercare informazioni, soprattutto su tasse, imposte, tributi, rette, ma anche su iniziative ed eventi e traffico e mobilità.

Venendo alle risposte alle domande più significative, si nota come il 55 per cento del campione dichiara di accedere raramente al sito del Comune, mentre il 36 per cento lo fa spesso. Equamente ripartite nelle tre principali voci, telefono, sportelli fisici e mail o Pec, le modalità con le quali gli aresini contattano l’Ente in caso di necessità. Interessante anche la risposta alla domanda “In termini generali, come valuti il livello di trasparenza garantito dal Comune di Arese”, che chiedeva di esprimere un giudizio su nove differenti temi o aree. Ebbene, posto che i valori che si poteva assegnare alle singole voci andava da 1 (gravemente insufficiente) a 5 (ottimo), le voci di dettaglio hanno ottenuto un giudizio medio complessivamente non positivo e compreso tra il 2,04 di Costi dei servizi e il 2,37 dei Tempi di erogazione dei servizi.

"Ringrazio - ha commentato il sindaco, Michela Palestra - i cittadini che sono venuti in Comune in occasione della prima Giornata della Trasparenza, così come quelli che hanno partecipato al sondaggio. Il confronto con chi si relaziona ‘da cliente/fruitore dei servizi’ con il Comune è molto utile per acquisire suggerimenti e indicazioni. L’amministrazione ha innanzitutto un dovere giuridico che è quello di favorire la legalità e la lotta alla corruzione e che si esplica nell'adozione di quegli atti, tipo il Programma Triennale per la Trasparenza e l'Integrità o il Piano triennale di prevenzione della corruzione, che sono previsti da una normativa specifica. Al di là dell'adempimento formale, sentiamo il dovere anche morale di diffondere la cultura della trasparenza e della legalità e vogliamo essere di impulso per la modernizzazione organizzativa dell'ente".

L’assessore alla Trasparenza, Eleonora Gonnella, annuncia invece che, sulla base di quanto emerso dai questionari saranno poste in essere una serie di azioni migliorative, tra le quali la riorganizzazione del sito istituzionale del Comune: “L'analisi dei dati emersi dai questionari - spiega Gonnella - ci presenta un quadro in cui ci sono aree positive, ma anche aree di miglioramento. Sarà nostro dovere attivarci per apportare miglioramenti e correttivi. È già in corso l'analisi del sito istituzionale, prima fonte di informazione, che sarà riorganizzato per facilitarne la navigazione e per mettere in evidenza le aree per cui i cittadini hanno dichiarato di avere maggiore interesse. Inoltre, i dipendenti hanno già iniziato percorsi di formazione e approfondimento sul tema della trasparenza”.

I risultati dettagliati del sondaggio e la relazione di commento sono disponibili sul sito del Comune (clicca qui).

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

valera_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...