QuiArese

Domenica 21 ottobre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Consigli comunali Consiglio interrotto, si riprende stasera

Consiglio interrotto, si riprende stasera

E-mail Stampa PDF

25 luglio 2012 - Quello di ieri sera è stato un consiglio comunale molto strano, forse il più strano al quale ci sia mai capitato di assistere, fatto di frequenti richieste di sospensione alle quali facevano seguito capannelli e conciliaboli tra gruppi consiliari e anche tra il sindaco Pietro Ravelli e il suo sfidante al ballottaggio Giuseppe Augurusa. Un consiglio comunale che si è chiuso con un rinvio a questa sera, una volta arrivati al terzo punto all'ordine del giorno. Che era quello relativo alla nomina del nuovo presidente dell'assemblea, per il quale la maggioranza non aveva presentato candidature mentre veniva bocciata quella dell'opposizione che aveva proposto il nome di Enrico Ioli del Pd. Una bocciatura arrivata, in entrambe le chiamate, per 6 voti contrari, 5 favorevoli e 2 astenuti. A favore hanno votato i quattro rappresentanti del Pd e Laura Antimiani del Movimento 5 Stelle, mentre si sono astenuti il vice-presidente del consiglio Gherardo Gherardi e Antonio Bessi, con quest'ultimo che probabilmente non ha votato in attesa che si risolva il contenzioso che riguarda la sua eleggibilità a consigliere comunale. Il totale come si potrà notare fa 13 e non 17 (due numeri che di certo avranno creato apprensione ai consiglieri più superstiziosi!) perché tra le fila della maggioranza di Aresefuturo mancavano ben quattro consiglieri comunali e più precisamente la presidente dimissionaria Luciana Fossati, Antonio Pavanetto, Livio Braga e Giovanni Manelli.

La sensazione è stata quella che l'assemblea seguisse un copione scritto in precedenza e culminato con l'abbandono dell'aula da parte dei consiglieri del Pd, una volta bocciata la candidatura di Ioli. Non è stato però questo a fare alzare il gruppo dei democratici quanto piuttosto, come ha spiegato Augurusa, la volontà di sollecitare una riflessione del sindaco sulla tenuta della sua maggioranza che, leggendo le assenze come posizioni di dissenso anche se non palese, secondo il consigliere del Pd non c'è più: "Non esiste più una maggioranza - ha detto Augurusa - Questa sera vi mancano quattro consiglieri e con il nostro abbandono dell'assemblea questo consiglio comunale può proseguire solo grazie all'appoggio dei due consiglieri di opposizione di Pdl e M5S. Per questa ragione il Pd invita il sindaco a una riflessione sul fatto che esista ancora una maggioranza che lo sostiene e se è il caso di andare avanti in queste condizioni". Un'invito che Ravelli ha preso al volo, chiedendo il rinvio a questa sera in attesa "che la notte porti consiglio". A proposito dei due consiglieri di minoranza, Gherardi ha espresso chiaramente la sua posizione: "Mi trovo in una situazione anomala perché rivesto il doppio ruolo di consigliere di opposizione e di vice-presidente del consiglio che, stanti le dimissioni di Luciana Fossati, sta operando come presidente dell'assemblea. Non ho difficoltà a dire che, se non avessi avuto un ruolo istituzionale all'interno del consiglio comunale, mi sarei a mia volta alzato e avrei abbandonato l'aula con il Pd". I Democratici presenti in aula e tra il pubblico hanno invece contestato Laura Antimiani del Movimento 5 Stelle, accusata di fare da stampella alla maggioranza per il suo rifiuto ad abbandonare l'assemblea e per il voto conforme a quello della maggioranza sulla richiesta di Ravelli di aggiornare il consiglio comunale.

Tutto rinviato a questa sera alle 20,00 dunque, con ancora otto punti del consiglio comunale deliberatorio da discutere e con la concomitanza del consiglio comunale aperto agli interventi dei cittadini. A questo proposito Gherardi ha ridefinito il programma della serata sostenendo che per il rispetto che ha dei cittadini e del fatto di dare loro la possibilità di esprimersi, lo slittamento del consiglio comunale deliberatorio non influirà sul programma di quello aperto. La decisione del vice-presidente del consiglio comunale è stata quindi quella di riprendere i lavori alle 20,00 con il proseguimento dell'assemblea di ieri sera, per interromperli alle 21,00 quando, come da programma, partirà il consiglio comunale aperto. Solo al termine della sessione aperta agli interventi degli aresini si riprenderà il consiglio comunale deliberatorio. Vedremo quindi questa sera cosa succederà e se Ravelli coglierà l'assit fornitogli ieri dal Pd.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese.

 

Arese, la nostra città

la_chiesa.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...