QuiArese

Mercoledì 15 agosto 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Consigli comunali Per Facs si attende incontro in Provincia

Per Facs si attende incontro in Provincia

E-mail Stampa PDF

27 settembre 2013 - Uno degli argomenti principali in discussione nel consiglio comunale di ieri sera riguardava le vicissitudini di Facs, riprese in una interrogazione del Movimento 5 Stelle e in una mozione del gruppo consiliare di Pdl e Arese in Testa. L'interrogazione del M5S verteva sulla situazione di Fondazione, e chiedeva al sindaco quali azioni intendesse prendere, se era stata appurata la situazione debitoria di Facs e i tempi previsti per rientrare in possesso dei beni pignorati dall'ufficiale giudiziario nell'ambito della controversia legale che oppone Fondazione a Intese. La mozione presentata da Muratori aveva, invece, lo scopo di impegnare l'amministrazione a nominare nel più breve tempo possibile il nuovo consiglio di indirizzo di Fondazione, che subentrasse all'attuale dimissionario da oltre un anno e mezzo. La richiesta, spiegavano i proponenti, ha lo scopo di garantire immediata e piena operatività a Facs, affinché si possa procedere con una serie di azioni a tutela del centro sportivo e dei beni in esso contenuti.

In realtà il sindaco Michela Palestra aveva risposto ad alcune delle domande su Fondazione già in apertura di consiglio comunale, nella parte dedicata alle comunicazioni. Palestra, di fatto, ha confermato il timing degli eventi che aveva già illustrato ad agosto nell'intervista rilasciata a QuiArese, aggiungendo che durante l'incontro con il presidente Carli, pur sostenendo l'impossibilità tecnica del Comune a supportare economicamente l'opposizione al pignoramento, aveva comunque raccomandato a Facs di presentare ricorso. Un'opposizione che l'amministrazione ha però dovuto fare ora che il suo coinvolgimento è diretto, in quanto i beni pignorati non apparterrebbero a Facs ma al Comune. Il ricorso è però al momento bloccato dalla chiusura del Tribunale di Rho e dal conseguente trasferimento degli atti in altro Tribunale, fatto questo che renderebbe anche difficile l'ipotizzare tempistiche per la risoluzione della controversia sulla proprietà dei beni. Il sindaco ha poi comunicato che ieri l'amministrazione è stata alla Corte dei Conti per approfondire alcuni aspetti dell'intricata vicenda e che settimana prossima ci sarà un incontro con la Provincia che avrà come oggetto il commissariamento di Fondazione e la sua liquidazione. Atti questi che, secondo l'amministrazione, spetterebbero proprio alla Provincia. Nel contempo si è anche appreso del ricorso al Tar promosso dal presidente di Fondazione Carli e dal consigliere Foglio nei confronti dell'amministrazione, rea di non avere provveduto a ratificare le loro dimissioni.

Riguardo alle domande poste dal Movimento 5 Stelle, l'amministrazione ha ribadito di essersi da subito attivata per verificare i titoli di proprietà di tutto quanto contenuto all'interno del centro sportivo, un compito reso complicato dal fatto di avere dovuto ricostruire oltre quarant'anni di storia delle struttura e di avere chiesto a Fondazione di provvedere a spostare la sua sede, visto che questa non è più all'interno del Csda. Palestra ha anche sostenuto di avere chiesto ufficialmente a Fondazione i documenti relativi al suo stato patrimoniale e debitorio, ma di non avere per ora ricevuto nulla che li illustrasse o che integrasse le informazioni già note. Le risposte dell'amministrazione non hanno, però, soddisfatto il consigliere del M5S Laura Antimiani, che ha ribadito di non comprendere comunque perché il sindaco non proceda alla nomina del nuovo consiglio di indirizzo.

Un'osservazione, questa, che si collega alla mozione presentata da Muratori ma bocciata dal consiglio comunale, con la maggioranza compatta che ha votato contro, i gruppi di Pdl-Ait, Arese al Centro e M5S che hanno votato a favore e la Lega che si è astenuta. In realtà, nelle dichiarazioni prima del voto, la maggioranza non ha espresso un parere sulla mozione negativo di principio, ma ha ribadito la posizione che prima di compiere qualunque ulteriore passo su Facs è necessario attendere l'incontro di settimana prossima con la Provincia per valutare quello che ne sortirà. Da segnalare, infine, che Turconi ha dichiarato ufficialmente che, qualora alla fine dovessero essere nominati i nuovi vertici di Facs e ci fossero difficoltà a trovare i nomi, la Lega sarebbe in grado di proporre una lista di candidati disponibili a entrare nel nuovo consiglio di indirizzo della Fondazione.

Di fatto, dunque, dal consiglio comunale non sono arrivate grosse novità e tutto rimarrà congelato ancora per qualche giorno, cioè almeno fino a quando la Provincia non avrà preso una posizione sulle sorti della Fondazione. A seconda del verdetto dell'incontro, e salvo risultanze interlocutorie, le strade possibili appaiono a questo punto solo due: la Provincia accoglie le richieste dell'amministrazione e provvede alla nomina di un commissario liquidatore per Facs, oppure rigetta la richiesta rimettendo la questione nelle mani dell'amministrazione.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_1.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...