QuiArese

Sabato 18 agosto 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Consigli comunali Consiglio comunale, l'esito delle mozioni

Consiglio comunale, l'esito delle mozioni

E-mail Stampa PDF

29 gennaio 2014 - Delle sette mozioni presentate dalla minoranza al consiglio comunale di ieri sera due sono state approvate senza modifiche sostanziali, tre sono state bocciate, una è stata ritirata e una è stata emendata a tal punto nella sua sostanza che, pur passando, ha avuto il voto contrario di chi la aveva proposta e quello favorevole della maggioranza. A passare praticamente immutate sono state due delle quattro mozioni presentate dal Movimento 5 Stelle (leggi qui), e cioè quella relativa all’istituzione di parcheggi rosa e quella sul censimento del cemento. In particolare su quest’ultima mozione il consigliere del Pd Luca Nuvoli ha espresso a nome del suo gruppo parere favorevole, in quanto un’iniziativa analoga era stata proposta dal Pd durante l’amministrazione Ravelli.

L’assessore Ioli, esprimendo il suo consenso all’iniziativa del M5S, è entrato nel merito della questione spiegando che il censimento del cemento è già stato avviato e che, come prevedibile, ci sono alcune difficoltà per reperire tutti i dati riportati sulla scheda predisposta dal Forum Italiano dei Movimenti per la Terra e per il Paesaggio, che è lo strumento metodologico indicato dal Movimento 5 Stelle nella sua mozione. Ioli ha comunque annunciato che per reperire alcune informazioni gli uffici provvederanno ad incrociare i dati del catasto con quelli delle utenze domestiche, evidenziando in questo modo se abitazioni che risultano sfitte sono in realtà occupate e viceversa. Le richieste di Ioli di avere un po’ di tolleranza sull’eventuale non completa compilazione del modulo in quelle parti dove non è stato possibile reperire le informazione e sulle tempistiche di quattro mesi per ultimare il censimento, sono state accolte dal Movimento 5 Stelle, che ha giudicato comunque positivo il segnale dato dalla giunta.

A essere ritirata è stata, invece, la mozione di Luigi Muratori sui voucher lavoro. Il consigliere di Arese in Testa ha accolto l’invito della maggioranza, che chiedeva il suo ritiro in quanto i voucher sono già stati acquistati dal Comune e quindi la mozione sarebbe superata dai fatti, riservandosi comunque di discutere di una metodologia organica per la loro gestione con l’assessore Eleonora Gonnella. E’ stata, invece, bocciata la mozione, sempre di Muratori, che chiedeva la creazione di una rete con i comuni limitrofi per la valorizzazione dei punti di interesse del nostro territorio (leggi qui), finalizzata anche a favorire il commercio locale e le attività produttive. Secondo la maggioranza, che ha votato contro, esistono già diverse agenzie sul territorio che si occupano di quanto chiede la mozione, e quindi il creare un’ulteriore rete non porterebbe vantaggi reali.

Le ultime tre mozioni, tutte collegate alla viabilità e sulle quali torneremo dettagliatamente in seguito, sono di fatto state tutte respinte. In realtà la mozione Muratori che chiedeva l’impegno a dire no al finanziamento con i fondi residui dell’Adp del tratto di strada sul territorio di Rho (leggi qui), che da via Morandi condurrà fino a via Gran Paradiso, sarebbe stata approvata. Ma gli emendamenti della maggioranza, che la hanno radicalmente modificata in sette parti, compreso l’impegno finale, hanno portato il suo stesso firmatario a votare contro la sua mozione modificata. Non è passata nemmeno la mozione del Movimento 5 Stelle che chiedeva venisse mantenuto il semaforo all’incrocio di via Matteotti, con la maggioranza che ha confermato la sua eliminazione a favore di una rotonda, in quanto soluzione che meglio garantirebbe la sicurezza di bici e pedoni. Bocciata, infine, anche la mozione del Movimento 5 Stelle che chiedeva che non venissero utilizzate come piste ciclabili le corsie riservate ai bus, dedicando alle bici corsie specifiche. Secondo la maggioranza le piste ciclopedonali coprono già tutto il percorso della nuova viabilità e l’utilizzo della corsia bus, dove verrà imposto il limite di velocità di 30 Km/h, sarà dedicato a quei ciclisti che si muovono velocemente e che non potrebbero farlo in piena sicurezza sulle classiche ciclopedonali.

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_1.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...