QuiArese

Mercoledì 19 settembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Consigli comunali Novità Statuto: referendum e i consiglieri delegati

Novità Statuto: referendum e i consiglieri delegati

E-mail Stampa PDF

22 luglio 2016 - Nel consiglio comunale dello scorso 18 luglio è stata presentata la bozza del nuovo Statuto comunale, ovvero l’atto normativo con cui si stabilisce l’ordinamento generale di un Comune. E’ infatti nello Statuto che vengono ad esempio riportati il funzionamento degli organi di governo locali, le modalità di partecipazione dei cittadini, le forme di collaborazione tra il Comune e altri enti e l'organizzazione degli uffici. La bozza è stata elaborata dalla commissione Affari istituzionali, che ha iniziato i lavori a dicembre 2013, riunendosi per 11 volte. Tra le novità più rilevanti contemplate nel nuovo statuto ci sono l’introduzione della figura del consigliere delegato e la revisione della parte di Statuto che regolamenta lo strumento dei referendum.

Partiamo dal consigliere delegato, che è una nuova figura istituzionale già introdotta da altri Comuni e che ha suscitato reazioni piuttosto contrapposte. Il nuovo Statuto del nostro Comune descrive le peculiarità di questa funzione all’articolo 20, dedicandovi tre punti. Al primo si dice che “Il Sindaco, sentito il parere dell’Assessore di competenza, può attribuire incarichi temporanei su temi specifici a Consiglieri comunali. La nomina del Consigliere Delegato è comunicata al Consiglio comunale contestualmente alla durata dell’attribuzione”. Il secondo punto definisce invece i poteri e le funzioni del consigliere delegato: “Il Consigliere Delegato ha il compito di svolgere, nel quadro delle sue generali funzioni di indirizzo e controllo, iniziative di approfondimento e di apporto collaborativo nei confronti del Sindaco e degli Assessori competenti per materia, senza che ciò comporti funzione di rappresentanza dell'Ente, trasferimento delle competenze o legittimazione all'assunzione di provvedimenti”. Il terzo punto infine limita le funzioni del ruolo nei confronti delle figure o degli enti esterni alla giunta: “Nei confronti di Dirigenti, Funzionari, Responsabili dei vari servizi e all’esterno dell’Ente il Consigliere delegato non avrà competenze e prerogative ulteriori rispetto a quanto attribuito dalla legge ai Consiglieri comunali”. In sostanza, almeno per come è stato definito dal nostro nuovo statuto, il consigliere comunale delegato svolgerà una funzione di “consulenza” al sindaco e agli assessori sui temi specifici che gli verranno affidati.

Veniamo ora alla modifica dello Statuto nelle parti che riguardano lo strumento dei referendum, che può essere integralmente visionato all’articolo 49 del documento (clicca qui). Da notare che la parte di Statuto relativa alle consultazioni referendarie potrà trovare attuazione solo una volta che sarà stato approvato il Regolamento del referendum, che sarà portato in Consiglio comunale solo dopo l’entrata in vigore del nuovo Statuto.

L’approvazione del nuovo Statuto comunale passerà anche attraverso la consultazione dei cittadini, che si attuerà fondamentalmente in due atti. Il primo prevede che il Comune recepisca e valuti le eventuali proposte di modifica avanzate dai cittadini, che le potranno recapitare all’ente entro le ore 12.00 del prossimo 15 settembre utilizzando l’apposito modulo (clicca qui) e inviandolo per posta elettronica all’indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Le proposte saranno valutate sia dal punto di vista tecnico che da quello dei contenuti dalla commissione Affari istituzionali, che potrà accoglierle, e quindi inserirle nel nuovo Statuto, oppure respingerle dandone motivazione. Al termine di questa fase, indicativamente per fine settembre, ci sarà il secondo momento aperto alla contributo degli aresini, che potranno partecipare a un consiglio comunale aperto durante il quale sarà nuovamente illustrata la bozza di Statuto, con i cittadini che avranno la possibilità di presentare ulteriori proposte e osservazioni. Terminato questo processo, entro il mese di ottobre, la commissione terminerà l'esame delle proposte e la “nuova” bozza di Statuto comunale sarà portata in Consiglio comunale per l'approvazione definitiva.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_centro_storico.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...