QuiArese

Lunedì 1 maggio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Notizie Voto referendario, Arese al Centro... sta nel mezzo!

Voto referendario, Arese al Centro... sta nel mezzo!

E-mail Stampa PDF

24 novembre 2016 - Ad Arese le opposte ragioni sul Si o No al referendum costituzionale del prossimo 4 dicembre sono perorate dai due rispettivi comitati che si sono formati negli ultimi mesi. Tra i gruppi che siedono in consiglio comunale ce n’è però uno, Arese al Centro, che non ha aderito a nessuno dei due comitati e che, tramite un comunicato precisa la propria posizione. Che, come del resto è nel nome stesso del gruppo, si pone… al centro delle posizioni! L’unico invito che Arese al Centro fa è infatti quello di recarsi comunque alle urne, non fornendo ai propri elettori nessuna indicazione di voto.

“Il gruppo consigliare e la segreteria di Arese al Centro - dicono i centristi - hanno collegialmente deciso di invitare i propri aderenti e simpatizzanti a recarsi al voto il prossimo 4 dicembre per il referendum sulla Riforma Costituzionale, esprimendo secondo coscienza il proprio voto. Preoccupa in queste ultime ore il clima che si sta generando intorno alla partita referendaria, dove i toni della politica si sono fatti aspri e da resa dei conti, mentre il ‘merito’ viene messo sovente in secondo piano”.

Il partito guidato da Giuseppe Bettinardi (nella foto) spiega le ragioni della scelta con il fatto che nell’area nella quale si riconosce non c’è uniformità di pensiero sull’oggetto del quesito referendario: “Riteniamo - spiega Arese al Centro - che tutti devono avere la possibilità di formarsi una propria opinione e di decidere come votare in piena libertà. Nel nostro  emisfero moderato non c’è uniformità di opinione e tanti sono quelli che stanno cercando di capire come orientarsi. Il risultato del voto, secondo noi, non dovrà poi essere letto sotto l’aspetto politico a favore o contro il governo centrale, in quanto si tratta di un referendum sulla riforma costituzionale sottoposta al giudizio dei cittadini, dopo decenni di dibattiti durante i quali, vogliamo ricordare, tutte le forze politiche auspicavano una riforma, senza poi giungere a una effettiva concretizzazione della stessa”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_centro_storico.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...