QuiArese

Giovedì 13 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Notizie M5S: "Quale impatto ambientale da ampliamento Centro?"

M5S: "Quale impatto ambientale da ampliamento Centro?"

E-mail Stampa PDF

31 gennaio 2017 - Il Movimento 5 Stelle ha presentato un’interrogazione in merito alla proposta di riperimetrazione, riqualificazione e reindustrializzazione dell'area ex Alfa, avanzata da Regione Lombardia, nella è previsto l'ampliamento del centro commerciale esistente, la costruzione di due nuove grandi strutture di vendita e di una pista da sci indoor. “Nel documento di scoping - dicono i 5 Stelle - sono già evidenziate le possibili notevoli ripercussioni negative nell'ambiente, le possibili ricadute o interazioni ambientali sul territorio e viene poi evidenziato che non tutte le compensazioni ambientali sono state realizzate come indicato a pagina 45 del documento”.

Le domande che il M5S pone alla giunta nella sua interrogazione sono tutte concentrate intorno all’impatto ambientale che ha avuto l’apertura de Il Centro e su quello che potrebbe avere il suo ampliamento: “Da fonte Arpa - spiega il consigliere a Cinque Stelle, Loris Balsamo - il PM10 della centralina di Arese, solo nel mese di dicembre 2016, ha superato la soglia di 50 μg/m3 per 24 giorni su 31. Quello che vorremmo sapere è se la rilevazione del traffico di attraversamento del centro abitato di Arese è stata realizzata successivamente all’apertura della grande struttura di vendita ‘Il Centro’ e, in caso positivo, se è stata eseguita un’analisi approfondita dei dati raccolti in comparazione con quanto rilevato prima dell’apertura. Chiediamo poi, qualora tale importante rilevazione non fosse stata ancora eseguita, quando si pensa di procedere”.

Fatto il punto sul pregresso, i pentastellati interrogano anche sui futuri sviluppi: “Vorremmo sapere - chiede Balsamo - se è previsto che venga eseguita ed effettuata un’analisi approfondita da parte di un ente terzo non coinvolto e imparziale, per valutare attraverso l’uso dei più moderni modelli previsionali le possibili conseguenze in termini di aumento del volume di traffico a fronte della costruzione delle ulteriori grandi strutture commerciali previste. Chiediamo poi se, alla luce di quanto sopra, la giunta ha intenzione di chiedere delle variazioni al piano esistente oppure intende approvare il piano senza modifiche. Infine se una volta predisposto il piano definitivo, la giunta intende permettere alla cittadinanza, tramite referendum o consultazione pubblica, di esprimersi circa la realizzazione delle suddette opere”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

la_chiesa.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...