QuiArese

Domenica 25 giugno 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Politica Notizie Ridefinizione Adp: "Arese non assista passivamente"

Ridefinizione Adp: "Arese non assista passivamente"

E-mail Stampa PDF

16 febbraio 2017 - Passaparola, analizzando la pubblicazione sul sito della Città Metropolitana di Milano delle modifiche al Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (vedi qui), propone una serie di considerazioni e di inviti all’attuale maggioranza. Che prendono spunto dal fatto che nel Ptcp risulta già previsto un collegamento su rotaia tra la stazione Fs di Garbagnate e quella di Rho Fiera, passando per l’area ex Alfa Romeo e con la previsione, in futuro, di estendere questa linea fino al cuore dell’area ex Expo.

“Il sindaco - commenta un comunicato di Passaparola - in un'intervista apparsa su un settimanale locale in risposta alla nostra precedente istanza di discutere dell’Accordo di Programma ha dichiarato che ancora non è dato sapere nulla in merito al procedimento di integrazione che si dovrà concludere a fine aprile 2017. Noi facciamo tuttavia notare che, sfortunatamente, in Italia si usa sempre uno strano modo per assumere le decisioni: prima di assumerle nulla è certo ed è troppo presto per capire; dopo che sono state assunte è invece troppo tardi per poter intervenire”.

Il comitato chiede quindi che la politica cittadina agisca preventivamente, chiedendo prima che sia troppo tardi, delle adeguate contropartite per la città ora che si è alle battute finali della ridefinizione dell’Accordo di Programma: “Quello che chiediamo alla politica locale - dice Passaparola - non è tanto di sapere cosa l'operatore privato intende realizzare; la pista da sci e due centri commerciali più l’ampliamento de Il Centro sono indicati nei documenti pubblici presentati e quindi sono li da vedere. Ma come cittadini chiediamo di definire cosa il Comune di Arese, deve irrinunciabilmente chiedere a tutela di Arese e del suo futuro in cambio di qualunque modifica all'accordo di programma. Tutti sappiamo che il Comune di Arese è seduto ai tavoli del Collegio di Vigilanza, che è Ente territoriale chiamato a valutare le richieste dell'operatore privato e che il Consiglio Comunale dovrà votare entro trenta giorni dalla chiusura della procedura la modifica dell’Accordo di Programma. Quello che tuttavia non sappiamo è cosa a quei tavoli il Comune ha detto, cosa ha chiesto e cosa intende ottenere. Il Comune di Arese oggi possiede una enorme forza contrattuale in quanto il suo beneplacito è determinante per qualsiasi modifica. Pertanto, visto che a quei tavoli si decide il nostro futuro, sarebbe giusto e trasparente che tutti i soggetti coinvolti e i cittadini sapessero esattamente cosa stanno portando a casa e che i nostri rappresentanti non si comportano da semplici spettatori degli altrui desideri”.

E tra le opere che la nostra amministrazione dovrebbe chiedere a compensazione, Passaparola ne identifica come prioritarie due. La prima è appunto la realizzazione di un collegamento di trasporto pubblico su ferro che colleghi Arese con Rho Fiera e con la rete delle Ferrovie Nord di Garbagnate, che rappresenta il progetto contenuto nel Ptcp e che è già richiamato nel Pum del nostro Comune. “Vogliamo - dice Passaparola - una strategica metrotramvia moderna ed efficiente, con mezzi in corsia propria e che transitino a una frequenza di 4 o 5 mezzi all'ora, in grado di rappresentare una vera alternativa definitiva all'auto per portare i pendolari di Arese verso Milano.

La seconda priorità, collegata alla prima, riguarda sempre il trasporto pubblico: “Vogliamo ottenere - prosegue Passaparola - un trasporto locale gratuito, finanziato interamente dall'operatore privato, di navette in grado di collegare realmente, e non con quattro corse in una giornata, le varie zone di Arese con la fermata aresina della metrotramvia che si andrà a realizzare? Vogliamo dare in questo modo ai nostri anziani e ai nostri cittadini la possibilità di muoversi gratuitamente sul territorio di Arese e di raggiungere a pagamento Rho Fiera e la stazione di Garbagnate? Vogliamo portare a casa questo valore aggiunto che manca da 30 anni e che resterà indelebile per intere generazioni?”.

La richiesta finale del comitato ai nostri politici è quindi quella di non subire passivamente le scelte di altri ma di agire con determinazione per ottenere opere delle quali Arese ha necessità: “Invece di attendere di scoprire - conclude Passaparola - quello che altri chiederanno per poi limitarsi a raccogliere le briciole, il sindaco e tutte le forze politiche di Arese dicano che, se non si realizzerà questo collegamento strategico non si parlerà né di piste da sci, né di palazzetti dello sport, né di Ikea, né di altri centri commerciali. Né tanto meno di ampliamenti dell'esistente, in quanto Arese non cambierà di una virgola l'attuale Accordo di Programma. Le forze politiche rappresentino a chi di dovere che se da quei tavoli non si porterà a casa quel progetto, sarà inutile portare in consiglio comunale la variante all'Adp, in quanto non sarà approvata. Se questa sarà la prima priorità e l'irrinunciabile premessa a qualsiasi modifica, il sindaco avrà sicuramente su questo punto l'appoggio di tutta Arese. Se invece vogliamo aspettare la fine di aprile, quando i giochi saranno chiusi, per limitarci a raccontare di aver portato a casa qualche briciola decisa da altri, è chiaro che siamo sulla buona strada per perdere un'altra occasione storica anzi, per perdere l'ultima metrotramvia”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

valera.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...