QuiArese

Giovedì 24 agosto 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Aresini nel mondo La Malesia di Paolo - Episodio 21

La Malesia di Paolo - Episodio 21

E-mail Stampa PDF

Ricordate che Paolo ci aveva accennato la scorsa settimana all'epilogo infelice del suo viaggio all’isola di Tioman? Ebbene, questa settimana ce lo racconta…e ci racconta anche come funziona il sistema sanitario nazionale malese. E cioè come quello italiano! Privato subito, pubblico chissà quando! Paolo sceglie il privato…e anche qualche rimedio trovato su Internet per la sua patologia...

Kuala Lumpur, 22 settembre 2011 - Nell’articolo della scorsa settimana dicevo dell’infelice epilogo del mio viaggio all’isola di Tioman. Ero sull’autobus di ritorno e mancavano circa due ore all’arrivo a Kuala Lumpur quando mi prende una fitta tremenda al fianco sinistro, un dolore atroce che andava dalla schiena al ventre, che le aspirine che mi ero portato dietro stentavano ad alleviare... dopo un po’ si calma, e poi ne arriva un’altra forte come quella anteriore... cerco di respirare profondamente domandandomi cosa possa essere... la mia più grossa preoccupazione tuttavia era se ce la facevo ad arrivare a Kuala Lumpur, o se il dolore mi avrebbe costretto a chiedere all’autista di lasciarmi vicino a qualche ospedale... Alla fine il dolore si calma e riesco ad arrivare alla stazione delle corriere di Kuala Lumpur dove prendo un taxi per tornare a casa.

Quando arrivo il dolore è quasi cessato e me ne vado a letto, se non che un’oretta più tardi arriva un’altra fitta fortissima, al punto che decido di andare al pronto soccorso. Uno dei portieri notturni molto gentilmente mi accompagna al pronto soccorso dell’ospedale dell’Università di Malaya, non molto distante da casa, e lì dopo un’attesa di quasi un’ora finalmente una dottoressa mi visita, mi fa fare esami delle urine, del sangue e una radiografia e mi dice che si tratta probabilmente di un calcolo al rene! Tra una cosa e l’altra è già mattina presto quando torno a casa. Il dolore fortunatamente non c’è più, ma data la vaghezza del referto e soprattutto sulla cura il giorno dopo decido di andare in un ospedale privato per farmi vedere da un urologo. Ed infatti la TAC che mi fanno mostra chiaramente il fatidico calcolo, piuttosto grande, bloccato nell’uretere a metà strada tra rene e vescica... A questo punto il medico mi dice che dovrei sottopormi alla terapia ad ultrasuoni per cercare di frantumare il calcolo... Potrei fare la terapia il giorno dopo pagando una cifra considerevole, o fare il tutto gratuitamente prendendo appuntamento col mio medico di base, perché mi faccia visitare da un urologo ‘della mutua’ che poi mi metta in lista d’attesa per la terapia ultrasonica... Ma visto che la settimana dopo sarà festa per la fine di Ramadan e che la trafila con il sistema sanitario pubblico si prospetta lunga e non proprio rassicurante, spaventato anche dall’idea di dover affrontare altre coliche decido di attingere ai miei risparmi e di tornare la mattina dopo per la terapia.

E così la mattina di sabato 27 verso le dieci mi ritrovo disteso su un lettino di fianco alla macchina che dovrà spaccarmi il calcolo a suon di vibrazioni; il medico mi inietta un forte analgesico a base di morfina che mi rimbambisce parecchio e la macchina viene attivata... per quaranta minuti devo stare lì immobile con il sottofondo dei terribili ‘schiocchi’ emessi in rapida successione dalla macchina. Alla fine del trattamento, dopo essermi ripreso dall’anestetico, torno a casa con il compito di bere tanto, nella speranza che i liquidi spazzino via i pezzi del calcolo. Il giorno dopo, tuttavia, al controllo la radiografia mostra che il calcolo è ancora lì, mannaggia! Altro trattamento ultrasonico, e altra visita di controllo per il sabato successivo dato che di mezzo ci sono le feste. Io bevo continuamente e provo anche alcuni rimedi naturali suggeriti su internet (tipo bere aceto o una mistura di olio di oliva e succo di limone)... Lunedì 29 sarei dovuto partire per una settimana di vacanza in Myanmar, ma vista la situazione decido di rimandare (a novembre, se tutto va bene!). Un paio di notti dopo ho di nuovo delle forti coliche appena appena tenute sotto controllo dai forti analgesici prescrittimi dal medico, ma la mattina dopo, mercoledì, giunge il primo segno della guarigione: andando in bagno finalmente mi vedo uscire un primo pezzo di calcolo! Troppo contento!

E così posso godermi in maniera più rilassata i tre giorni di festa per Hari Raya, in arabo Eid al-Fitr, la grande festa per la fine di Ramadan (la foto mostra un cartellone di auguri per Hari Raya). Proprio bella Kuala Lumpur con poco traffico! Infatti la capitale si è spopolata dei moltissimi malesi che sono balik kampong, ovvero tornati al loro paese natale per passare le feste in famiglia. Nonostante si tratti di una festa mussulmana, sento anch’io l’atmosfera di festa che mi trasmettono gli addobbi, le lucine e le canzoncine di Hari Raya, un po’ come durante il Natale. Il secondo giorno di Hari Raya (che quest’anno coincide con Hari Kemerdekaan, l’anniversario dell’indipendenza della Malesia), felicissimo di essermi liberato del primo calcolino, mi ritrovo assieme a Kitade e alla mia amica Gloria, in visita con la figlia in Malesia, per incontrare Ricky, un indovino cinese che Gloria voleva consultare prima di tornare in Italia, un po’ sulle orme di Tiziano Terzani (su cui lei ha scritto un bellissimo libro, ‘Tiziano Terzani: La rivoluzione dentro di noi’)... In realtà Ricky è un uomo d’affari indovino a tempo perso, esperto di numerologia, sorprendentemente abile nel tracciare i nostri profili caratteriali (tra l’altro risultiamo tutti molto fortunati), nel leggere il futuro invece chi lo sa... Un incontro interessante però! Tutto sommato spiritualità e credenze varie negli spiriti e nel paranormale sono cose che caratterizzano questa parte dell’Asia e che accomunano tutti i gruppi etnici del Paese, alla faccia di modernità e occidentalizzazione.

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...