QuiArese

Mercoledì 17 gennaio 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Lettere "Perché la cronaca del consiglio non è completa?"

"Perché la cronaca del consiglio non è completa?"

E-mail Stampa PDF

09 gennaio 2016 - Un lettore ci scrive a proposito della cronaca del consiglio comunale che si è tenuto giovedì scorso. Ecco la sua lettera.

Caro Direttore,

mi riferisco alla cronaca del consiglio aperto del 7/1 apparsa su QuiArese di ieri. Mentre mi va bene che non sia citato il mio intervento, dato che, pur avendo parlato da semplice cittadino, posso essere associato al Forum, sono invece sorpreso che la cronaca non citi gli ultimi due interventi della serata. Mi sfugge il motivo dell’esclusione, considerando anche che tali interventi sono stati chiaramente argomentati da una visuale un po’ più ampia di molti di quelli precedenti. Vi sarei pertanto grato se voleste chiarirmi.

Grazie, cordiali saluti
Roberto Mori

Gentile signor Mori,

l’articolo che abbiamo pubblicato ieri era incentrato soprattutto sul fatto che cittadini e consiglieri hanno fatto molte domande sulla viabilità, a cui l’amministrazione ha offerto delle risposte. Non essendo l’articolo una trascrizione della serata (chi desidera la versione integrale può trovare sul sito del Comune le registrazioni video), abbiamo ritenuto non necessario riportare tutte le opinioni espresse, non solo quelle da lei citate, ma anche di diversi consiglieri comunali.

Comunque, a dimostrazione che non c’è stata da parte nostra particolare volontà di omettere interventi, segnaliamo che nell’articolo non sono stati citati, oltre a lei (e non perché è riconducibile al Forum), anche Carlo Brusadelli, Pasquale Fantini e Paolo Colombara. Per altro, gli interventi di chi è stato citato non sono stati riportarti in versione integrale.

Tra i consiglieri abbiamo omesso di riportare le opinioni di Andrea Miragoli (Forza Italia), Loris Balsamo (Movimento 5 Stelle), Carlo Giudici (Arese al Centro), Luca Nuvoli (Partito Democratico), Paola Pandolfi (Partito Democratico) e Tito Bellunato (Un Forum per la Città). Inoltre, nel corso della serata hanno preso la parola anche Mauro Bindelli (Comandante della Polizia Locale), il geometra Sergio Milani e il direttore dei lavori del progetto viabilità.

Insomma, abbiamo cercato di riportare in breve le cose che ci sono parse più significative. Visto il suo interesse negli ultimi interventi, ecco comunque la nostra sintesi:

Roberto Mori

Da due anni guardo le rotonde con altri occhi, ho cominciato a fare domande e a cercare materiale. In tutta onestà va detto che questo progetto e la situazione precedente non sono minimamente comparabili. Pur essendo criticabile, questo progetto offre molte opportunità di adattamento. Vorrei però sottolineare l’aspetto della sicurezza: personalmente ritengo che la situazione attuale sia preferibile a quella precedente. Vorrei però chiedere se parlando di sicurezza nona sia giusto dire che il rischio zero non esiste. Vorrei quindi dire a me stesso e ai cittadini che solo con la collaborazione di tutti si possono ridurre i rischi.

Carlo Brusadelli
Ho avuto occasione di esaminare le varie varianti e modifiche, dovute anche al fatto che cittadini, associazioni e partiti hanno fornito suggerimenti. La mia impressione è positiva. Come appassionato di alberi ho apprezzato che il loro numero aumenti, ma vorrei ribadire l’invito all’amministrazione a pensare in grande: nelle rotonde di ingresso alle città ci piacerebbe vedere delle piante di pregio.

Pasquale Fantini
Il mio è un intervento banale, quello di tutte le persone che oggi non sono qui. Abito ad Arese dal 1979 e finalmente ho visto una trasformazione positiva per la sicurezza. Arese è una città che può essere interamente percorsa in bicicletta, ma in pochi lo fanno. Invito quindi la giunta a sfruttare il tempo rimanente per incentivare l’uso della bicicletta.

Paolo Colombara
Questa sera ho capito delle cosa. Per esempio che il progetto non è ancora completo e che ancora può essere migliorato. Avevo tante perplessità e domande, ma questa sera ho capito diverse cose, come il perché le fermate dei bus sono sulla strada. La stessa cosa pensavo dei parcheggi sul lato opposto della strada. Avevo quindi tante perplessità che sono state eliminate. Per questo mi piacerebbe che incontri come questo avvenisse più spesso, magari ogni due mesi.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...