QuiArese

Martedì 25 luglio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Lettere Social e “gli internauti polemico-compulsivi”

Social e “gli internauti polemico-compulsivi”

E-mail Stampa PDF

31 marzo 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che prende di mira quelli che, per il tono e la forma dei loro interventi sui social network, definisce come “polemici compulsivi”.

Un giornale online come QuiArese ha la funzione di informare su ciò che accade nella nostra città: valore mantenuto nel tempo e di cui sono grato agli amministratori del sito. Attraverso i post e le lettere sul blog collegato a Facebook, si ha l’occasione di approfondire, scambiare opinioni, ragionare insieme delle cose salienti riguardanti la nostra città. Purtroppo però, c’è un ostacolo a questa preziosa opportunità di dialogo e di analisi dei fatti.

È diciamolo, senza girarci intorno, la presenza di “polemici compulsivi” che inibiscono ogni forma di razionale analisi dei problemi della nostra comunità e delle soluzioni possibili da adottare per affrontarli. Il popolo di Internet, se da un lato ha fatto da cane da guardia della libertà d’informazione, dall'altro ha dato voce a centinaia di troll e a polemisti compulsivi, che divengono ancor più velenosi quando il bersaglio appartiene a un partito rivale o in genere a coloro che la pensano diversamente.

Nel grande circo multi-mediatico, spesso si perde di vista la sostanza dei fatti e la loro analisi scevra da pregiudizi, per dare spazio alle querelle e alle chiacchiere. Quando questo succede, a farne le spese è soprattutto un democratico e trasparente confronto. Proliferano così i “polemico-compulsivi”, che si trovano anche in altri ambiti sociali (tra i parenti, nelle associazioni, nelle aziende), ma nel web hanno più libero e incontrollato sfogo. In genere, il polemico è qualcuno che non è per nulla felice del successo di un'altra persona, di una squadra rivale o di un altro partito. Preferisce la catarsi polemica piuttosto che affrontare la voce della coscienza che gli sussurra, nel suo caso timidamente, che forse è lui stesso a essere in difetto.

In particolare, gli internauti “polemico-compulsivi” che si muovono fluidi tra Facebook e Twitter, i vari social network e i blog dei giornali on-line, spesso imboccano la via dell’insulto. Non sanno che si può ragionare ed esprimere anche opinioni diverse senza la diatriba urlata 2.0. Si può discutere con pacatezza e la voce arriva più lontano di quella che attraversa i megafoni dell’isteria polemica. Come difendersi da costoro, che cercano un ruolo attraverso la polemica sciorinata a fini di raggruppare le proprie truppe “cammellate o dromedarizzate”, sotto il vessillo della propria verità? La sovrana indifferenza nei loro riguardi è la risposta più efficace, in coerenza con la formula magica scritta dal ‘sommo poeta’: “Segui il tuo corso e lascia dir le genti” (nel verso rivolto a Cecco d’Ascoli che guardava di traverso Dante).

Giorgio Fiorini

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...