QuiArese

Giovedì 25 maggio 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Lettere Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

E-mail Stampa PDF

23 settembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo copia di questa mail che la lettrice ha inviato al Comune. Il problema lamentato torna ciclicamente nel dibattito sui social, ed è quello delle deiezioni canine, che alcune persone si ostinano a non raccogliere.

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (città già all’epoca molto sporca di suo) mio marito che già lavorava a Milano andava in perlustrazione ogni week-end e un giorno mi chiamò e mi disse “ho trovato la città che fa per noi, verde, ciclabile, insomma l’isola felice dei bambini!”.

Peccato che oggi la chiamerei l’impero delle deiezioni canine (una mia amica addirittura d’inverno ebbe una brutta sorpresa facendo scivolare suo figlio sulla neve… solo che la neve copre, ma non pulisce…)! Ma con quanti parchi da cane ci sono devo guardare dove metto i piedi?

Io che vado a correre alle 06.00 di mattina, ne vedo di tutti i tipi: tra quello che porta il proprio cane privo di guinzaglio e quello che addirittura tranquillamente senza sacchetto appresso e che poi mentre defeca il cane si gira, come se diventasse invisibile! Che tristezza… prova a dirgli qualcosa si offende pure il maleducato! Possibile che non si possa fare nulla di nulla contro l’inciviltà di questi padroni zozzi? Leggo che un po’ dovunque già esistono addirittura delle Guardie Ecologiche. Altri comuni trovano il modo: ”vigili urbani, guardie ecologiche e dipendenti della nettezza urbana addirittura sorvegliano…”. Possibile che nella città dei cani non si possa trovare un modo di sanzionare?

Mandate dei volontari pensionati (sono quelli che si alzano prestissimo la mattina tra l’altro) a monitorare questi incivili, magari bisogna spiegare a questi zozzoni che non è perché un area è verde e prevalentemente paesaggistica significhi che il cane grosso come un vitello ci debba lasciare le proprie feci senza che vengano raccolte. Nel loro proprio giardino dubito che lascino le feci in giro, dico bene? Mi sembra anche che il microchip sia obbligatorio per legge e le multe per i trasgressori vanno dai 25 ai 150 euro. La legge in materia esiste e punisce con multe anche salate i trasgressori, ma troppo raramente viene applicata e così solo una bassa percentuale di padroni civili gira a passeggio con l’amico a quattro zampe armata di paletta, guanti e bustina.

Mi indirizzo ai vigili: quanti verbali per cacche sono stati emessi dalla Polizia Municipale negli ultimi due anni? Giusto per curiosità… Leggo che altrove “Anche chi non viene colto sul fatto ma viene fermato dalla Polizia Locale a passeggio con il cane senza gli strumenti idonei alla pulizia sarà sanzionabile. Le multe vanno dai 25 a 150 euro”. E’ vero anche che chi gira senza l’attrezzatura lo fa alle 06.00 di mattina… non c’è nessuno in giro. Altezza Gran Paradiso domenica mattina ne ho persino visto uno incappucciato, nascosto dietro ad un albero mentre il labrador faceva il suo, nel caso lo vedessi…

Ora che l’erba è tutta bella tagliata è una “cacchiera” e non solo si vedono, ma con il caldo estivo emanano anche un profumino quantomeno “sgradevole”, per rimanere politically correct! Il bello è che questi zozzoni incivili teoricamente pagano anche loro il mantenimento di questo stesso verde che rovinano e magari hanno pure dei figli che ci camminano… Come dice mia figlia (8 anni e mezzo) molto pragmaticamente “bisognerebbe fargliele mangiare ai padroni dei cani…”.

Ludmilla Feodoroff

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...