QuiArese

Giovedì 14 dicembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Più o Meno Saltellando qua e là per QuiArese. Più o Meno...

Saltellando qua e là per QuiArese. Più o Meno...

E-mail Stampa PDF

30 ottobre 2015 - Saltellando qua e là tra gli articoli di QuiArese e con uno sguardo ai post dei Social aresini, facciamo il punto sui fatti che interessano maggiormente a chi vive nella nostra Città. Tentando di sdrammatizzare un po’… Più o Meno. Arese in Testa chiede quando si farà un’area camper. In giro se ne vedono tanti, parcheggiati in posti diversi. Passando spesso per il vialone dell’Alfa Romeo, il pensiero va a quell’enorme parcheggio che da anni riposa in pace. Non è stato utilizzato neanche per l’Expo e non si sa se lo sarà per lo Shopping Center, né sappiamo perché è ancora lì, sbarrato, con le sue piante, i suoi pali d’illuminazione funzionanti e spreconi, asfalto impeccabile e segnali verticali e orizzontali ben visibili. Una parte non potrebbe essere destinata ai camper? Spesa non eccessiva e intervento di pochi operai. Idraulici. Elettricisti… Muratori!

Arese al buio. Finalmente il problema sembra essere risolto. Il Comune ha insistito con Enel Sole perché intervenisse con attenzione nella ricerca della causa che si è rivelata essere un corto circuito. Dopo un lungo periodo, quasi un anno, Fiat Lux. E pensare che il Signore impiegò solo una settimana per creare il mondo…

Il Consigliere Balsamo del Movimento 5 Stelle aresino, partendo da uno studio di Legambiente che mette la Lombardia al primo posto nel fenomeno corruttivo sugli appalti, cosa confermata dal presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione Cantone, ha chiesto “… quali controlli e quali verifiche condivise la giunta ha attivato sugli affidamenti diretti dei lavori e degli appalti pubblici e quali procedure sono state attivate per azzerare ogni eventuale ipotesi corruttiva”. Intanto, mercoledì, lo stesso Raffaele Cantone ha dichiarato che “Milano torna capitale morale dell’Italia e Roma non ha gli anticorpi” e oggi, giovedì, ancora nuovi arresti per tangenti in Sicilia, dopo gli scandali a macchia d’olio su tutto il territorio nazionale. Il problema è serio e merita una risposta o una “vivanda o bevanda profumata e di grato sapore; rimedio portentoso contro la sofferenza; conforto, sollievo, consolazione” (rif. Dizionario Treccani): Balsamo.

Il giorno 26 il Pd aresino ha organizzato una serata pubblica sulla Riforma della Scuola ponendo la domanda “Cosa cambia?”. I reali contenuti del testo approvato dal governo illustrati a fondo, pur essendo abbastanza complessi: reclutamento dei docenti, maggiore autonomia degli istituti, maggiori investimenti su personale ed edilizia, didattica che cerca di tenere conto delle nuove competenze indispensabili per orientarsi in una società in rapidissimo cambiamento. Una domanda: i genitori tengono il passo con tutte queste novità? Capiscono l’importanza fondamentale della scuola e il ruolo dei docenti che, spesso, devono assumersi responsabilità che dovrebbero essere della famiglia o del Welfare? Fortunatamente Arese dal punto di vista scolastico è ben messa rispetto a certe realtà del nostro Paese e il nostro sindaco ha mantenuto per se la delega assessoriale alla scuola, con impegno diretto. Eppure sembra che alcuni genitori invece di essere alleati con la scuola nella formazione dei loro figli, siano più interessati a creare alibi, distraendo i ragazzi con altre attività, cosa giusta, ma spesso esagerando, a danno del tempo dedicato allo studio. Come dire: più che ai libri, l’attenzione è alla… Palestra.

Ovviamente le innovazioni della viabilità cittadina ha avuto, sia su queste pagine che sui social, un’attenzione costante. Molti cittadini hanno evidenziato i benefici, molti altri hanno sottolineato i problemi. Come in tutti i dibattiti, ognuno cerca di far valere le proprie ragioni e il rispetto reciproco è fondamentale. Eppure, certi fatti sono così evidenti che il buon senso suggerirebbe al Comune, ai partiti, alle associazioni, di sedersi intorno a un tavolo e trovare qualche soluzione migliorativa finché ciò sia possibile. Senza litigi, offese o sberleffi, si possono individuare punti di intervento per la sicurezza dei cittadini, per la salvaguardia dell’ambiente e per la qualità dei servizi. Leggendo i vari post, i vari commenti e guardando le foto o i filmati, la voce dei cittadini si fa sentire ed è necessario, ne abbiamo scritto negli ultimi numeri, che l’ascolto, la comunicazione, la trasparenza, senza chiusure mentali, ma con apertura di vedute e di analisi, porti a una revisione di alcuni processi, con una riprogettazione leggera, ma condivisa dalle parti. Non riporto un elenco di problematiche che gli aresini hanno evidenziato: è sufficiente rivedere quanto pubblicato nei mesi scorsi, dalle rotonde attraversate diametralmente, all’area di sosta davanti al Centro Sportivo, dagli alberi abbattuti a quelli posizionati. Un solo esempio: nelle ultime settimane di Expo, in alcuni giorni, le code per il parcheggio non hanno coinvolto solo viale Luraghi, ma anche le strade vicine, e la Polizia Locale è intervenuta con grande impegno per risolvere la matassa, anche fino a ore tarde del sabato oppure (Foto 1) del lunedì mattina. Expo sta per finire. Arese Shopping Center sta per arrivare…


 

Qui sotto, solo a titolo di esempio, due foto del parcheggio a lato di piazza 11 settembre: la foto 2 con la situazione ante lavori rotonda Matteotti-Sempione, dove gli ingressi da via Matteotti erano due e le auto potevano circolare alla ricerca di un posto e uscire a senso unico, mentre la foto 3, post lavori (si tenga presente che Google non ha ancora foto aggiornate), mostra che l’ingresso è diventato unico, a doppio senso, molto stretto e succede che le auto che entrano nel corridoio 1 per cercare un posto libero, non trovandolo sono costrette a tornare verso l’uscita 2 a marcia indietro per mancanza di spazio per l’inversione. Con sincerità: c’è stato un miglioramento rispetto alla precedente situazione?Servizio di Francesco Gentile

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese


 

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...