QuiArese

Domenica 19 novembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Più o Meno Fine dell'Anno Stocastico. Più o Meno...

Fine dell'Anno Stocastico. Più o Meno...

E-mail Stampa PDF

24 giugno 2016 - Prima delle vacanze estive, finito l’Anno Stocastico Aresino, basato sulle probabilità di successo o di insuccesso delle considerazioni fatte su questa rubrica di QuiArese, è tempo di fare un piccolo consuntivo. Arese è sicuramente un piccolo angolo di paradiso nella realtà della Città Metropolitana di Milano: c’è verde, tranquillità, livello economico medio alto (tra i primi 10 Comuni d’Italia, scrivono i media economici), strutture scolastiche e assistenziali di buon livello, cittadini attenti e tanti volontari, e l’elenco potrebbe proseguire. C’è da lamentarsi? Sicuramente no. C’è da migliorare? Sicuramente si.

I Padri della Qualità insegnano che il meglio non ha fine, che l’impegno deve essere continuo per raggiungere obiettivi sempre più sfidanti per migliorare la sensazione di benessere dei cittadini, dell’ambiente e delle strutture sociali, assistenziali, culturali e ludiche… Il miglioramento, tenendo conto anche delle disponibilità di risorse materiali, economiche e umane, deve essere “continuativo”: non si possono fare grandi salti o fissare obiettivi da sogno o irraggiungibili, ma fissare, sulla base dei bisogni e delle segnalazioni dei cittadini, azioni di miglioramento pianificate sulla comunicazione bidirezionale tra “alto e basso” e viceversa e realizzate attraverso l’ottimizzazione dei processi. Concetti che abbiamo cercato di diffondere attraverso queste pagine, tenendo a cuore il livello di sostenibilità della nostra città per lasciare ai nostri figli e nipotini situazioni migliori e durature nel tempo.

Da settembre a oggi, abbiamo scritto 28 “servizi” portando all’attenzione di autorità e cittadini situazioni, proposte e necessità di miglioramento, nate da osservazioni personali e, quasi sempre, dalle voci degli aresini rilevate dai social network locali o da notizie conosciute attraverso la lettura di altri giornali della zona e del circondario. Ebbene, quasi mai abbiamo ricevuto risposte scritte, alcune volte abbiamo avuto un riscontro reale con la realizzazione di qualche modifica o intervento richiesto a gran voce dai cittadini e siamo riusciti a conoscere dei dati solo quando si diffuse la voce, poi infondata, che l’acqua della Casetta non aveva caratteristiche entro i limiti di legge. Molti altri dati sono stati richiesti, ad esempio relativi al prima e dopo i lavori per la nuova viabilità a “rotatorie”, come intensità di traffico, numero di incidenti, tempi di attraversamento nelle ore di punta, utilizzo delle piste ciclabili, eccetera, monitorando la Arese Città dei Motori. Abbiamo, con soddisfazione, assistito, dopo l’eliminazione di alberi quasi “storici”, alla piantumazione di nuovi alberi e ciò tiene alta la nomea di Arese Città-Giardino. Sono state installate nuove panchine (qualcuna sembra posizionata a casaccio) e sostituite quelle fradice e sono stati anche rinnovati i giochi nei parchi cittadini e resi più sicuri: Arese-Città dei Bambini.

La riapertura del Museo dell’Alfa Romeo ci ha riempiti di orgoglio e dato speranze di attrazione di turisti e a questo scopo si era proposta una diversa collocazione dei monumenti presenti sul territorio cittadino in modo da renderli visibili: un esempio è il monumento all’Alfa Romeo, posto nel Parco Europa Unita, che solo pochi riescono a scorgere passando. Si è chiesto anche il restauro e spostamento dell’Orologio sito in viale Gran Paradiso e dell’affresco sulla piazza della Chiesa, ormai invisibile e danneggiato. Proposte senza risposte, neanche con spiegazione degli impedimenti. Con soddisfazione, invece, vediamo crescere la nuova Biblioteca attesa da vari decenni da molti aresini e criticata da altri per essere diventata un centro di costo. Ma non dispiacerebbe una definizione come Arese-Città della Cultura.

L’apertura del Centro Commerciale “Il Centro”, nome che non è stato molto gradito rispetto al prospettato “Arese Shopping Center”, ha portato migliaia di persone a raggiungere la nostra zona, con tutti i vantaggi e svantaggi che una parte politica e l’altra si contendono ancora, in attesa di miglioramento nella viabilità e nel trasporto pubblico: a distanza di quasi tre mesi, ancora lavoratori e clienti provenienti dalla metropolitana o dai treni di Rho-Fiera sono costretti a fare un percorso chilometrico sotto temporali o sole cocente… Eppure non dovrebbe essere molto difficile, variare un percorso o fare biglietti integrati tra le varie linee che permettano cambi in fermate coincidenti per arrivare, più vicino possibile al Centro. Una navetta, poi, messa a disposizione della proprietà del Centro e concordata con il Comune, sembra essere diventata solo un sogno. È stata anche evidenziata, con foto, la pericolosità nell’attraversamento delle rampe di accesso dei veicoli diretti al Centro, una volta scesi dal ponticello Pg su viale Luraghi che rimane al momento l’unico passaggio ciclopedonale e, specie nei giorni di affollamento, è possibile fermarsi un attimo e vedere decine di persone, anche famiglie, che attraversano pericolosamente le strade. Anche in questo caso non abbiamo riscontrato risposte.

La Casa dell’Acqua, fino al momento in cui scriviamo e da quasi un mese, funziona con un solo accesso all’acqua frizzante e, col caldo arrivato, si crea qualche attesa oltre il normale per usufruire del servizio. Ci hanno detto che hanno fatto segnalazioni in Comune anche sul sito apposito, ma non c’è stato riscontro funzionale. Più volte, causa smarrimento o smagnetizzazione per mani bagnate, è stato chiesto di sostituire l’uso della Carta Regionale Servizi, utile per la Sanità e come codice fiscale, con una carta simile, anche dietro un piccolo contributo dei cittadini, ma non si sono avuti riscontri, né motivazioni di impossibilità di realizzazione.

Proteste anche per la nuova illuminazione a Led che, per progettazione, dovrebbe interrompersi solo in casi eccezionali e che ha lasciato spesso al buio alcune strade della città e, in qualche caso, splende nelle camere di alcune villette… mentre lascerebbe al buio alcuni viali laterali, essendo posizionata a centro strada.

Un riscontro da prendere come esempio positivo è nella nuova gestione della pulizia dei cestini dei rifiuti che furono oggetto di lamentele: oggi il servizio funziona bene e non si vedono cestini strapieni o rifiuti a terra. Resta il problema di qualche cittadino poco sensibile agli altri che lascia anche rifiuti ingombranti per strada oppure non raccoglie i rifiuti del suo amico a quattro zampe: qui si tratta di educazione civica.

Grande lavoro delle tante associazioni e impegno dei volontari. Una nuova sede della Misericordia è fortemente attesa. Una menzione alle associazioni di Carabinieri e Alpini che, oltre ai soliti impegni, sono state fortemente coinvolte nella gestione del supertraffico da nascita di Centro Commerciale… Tra l’altro, abbiamo avuto la possibilità di leggere la rivista dell’Associazione Alpini, scoprendo l’Arese-Città di Montagna. Arese-Città del Volonariato.

A proposito di web: abbiamo saputo del sito creato da appassionati che hanno studiato la storia della Città e messo a disposizione di tutti il lavoro e le loro scoperte e lo riteniamo interessante (clicca qui).

Questo breve elenco, fa capire un solo fondamentale concetto: ci sarebbe bisogno di maggiore informazione, di avere risposte e dati concreti che mettano a tacere le giuste osservazioni o i semplici lamenti. Non tutti i cittadini sono uguali per carattere, per esigenze fisiche e per abitudini, oltre che per simpatie politiche, e solo la comunicazione può aiutare il miglioramento comune e lo scambio di idee che possano aiutare a convivere civilmente.

Sui social locali, in particolare, e sulla pagina Facebook di QuiArese, quest’anno abbiamo letto scontri, anche duri e qualche volta persino volgari, tra aresini, e ciò favorisce il dibattito che dovrebbe essere portato avanti sempre nel rispetto delle idee degli altri. A volte anche semplici considerazioni, supportate da foto o video, sono state oggetto di frasi offensive e non di controproposte serie. Si è criticato anche chi fa notare problemi reali e di sicurezza. Si è sfiorato uno scontro generazionale, addirittura, senza pensare che lo scopo comune finale è il benessere di Arese, Ci ha fatto sorridere, invece,  con un po’ di amarezza, che moltissimi aresini si sono sentiti coinvolti, quasi protagonisti, e hanno fatto la corsa a cercare il filmato e a commentare una segnalazione su un sospetto truffatore che “esercitava“ in Città fatta attraverso Striscia la Notizia e in questo caso ci sono state poche opinioni opposte. Questo fatto fa capire che soltanto quando si arriva in Tv le segnalazioni sono utili? Ma perché non lo sono, secondo alcuni, quando vengono fatte su giornali locali?

Senza colloquio reciproco i dubbi restano e concludiamo l’Anno Stocastico nella speranza di avere probabili risposte. Infine, due esempi finali nelle foto che seguono cui solo il tempo potrà dare riscontro. La foto 1 mette a confronto due diverse mentalità scelte per le piste ciclabili nella nostra Città nel passato e nel presente (a proposito, ma il rosso delle ciclabili è stato dipinto con acquerello? È già sparito…). La foto 2 lascia perplessi sulle realizzazioni di lavori stradali con vecchi e nuovi metodi. Ai posteri l’ardua sentenza… Oppure, per mettere tutti in armonia, bisogna sperare che arrivi il Gabibbo? Più o Meno.

Rubrica a cura di Francesco Gentile

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

 

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...