QuiArese

Giovedì 13 dicembre 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Rubriche Serena-mente Disturbi da ansia, farmaci si o farmaci no?

Disturbi da ansia, farmaci si o farmaci no?

E-mail Stampa PDF

09 luglio 2013 - Cosa fare in caso si soffra di crisi d'ansia o di panico? Meglio affrontare il problema con una terapia farmaceutica o con l'aiuto di uno psicologo? Probabilmente l'approccio più funzionale sta nel mezzo.

Gent.le Dottoressa, soffro di ansia da diverso tempo. Da qualche mese credo di aver avuto perfino degli attacchi di panico. Mi sono rivolta al medico di famiglia, che mi conosce da tanto tempo, il quale mi ha prescritto dei farmaci. Dovrebbero servire a tranquillizzarmi e a farmi riposare la notte. In ogni caso non sono molto convinta di volerli prendere… lei cosa consiglia? Grazie mille.
Milla ‘73

Cara Milla ’73,
innanzi tutto grazie per aver posto la domanda che, credo, possa essere d’interesse per molte persone che vivono situazioni simili a quella che descrivi. Come forse saprai, essendo psicologa non prescrivo farmaci, ma questo non m’impedisce di esprimere un’opinione in proposito. Ovviamente soltanto tu potrai, infine, trarre giuste conclusioni in base a quel che riterrai più utile.

Sono dell’idea che i farmaci possano essere dei validi alleati, specie durante la fase acuta di un sintomo, ovvero quando il disagio si fa più insistente al punto da inficiare il normale funzionamento, sociale  professionale e vitale, della persona. Ma se il farmaco è un alleato, non significa per forza che sia pure risolutivo. Smettere di utilizzare un medicinale può determinare la ricomparsa del sintomo così come, continuare ad assumerlo per evitare il malessere, può produrre una sorta di “dipendenza”. Per tale ragione, secondo il mio personale parere, il farmaco può rendersi necessario per la gestione concreta del sintomo (ovviamente sempre sotto stretto monitoraggio medico) ma, quando questo diviene sopportabile, sarebbe auspicabile intraprendere un altro tipo di terapia: quella psicologica. Grazie al percorso con uno psicologo, infatti, è possibile rintracciare le cause all’origine del disagio, quindi diventarne consapevoli, elaborarle e scoprire valide alternative volte al ben-essere. Insomma Milla ’73, se te la senti, sì al farmaco per un tempo determinato, con moderazione e prescrizione del medico curante, per poi intraprendere una terapia psicologica. Oppure, se sei refrattaria all’idea di assumere medicinali e riesci ancora a “governare” l’ansia, potresti considerare di intraprendere subito il cammino psicologico. Tieni presente che, in caso di “Pronto Soccorso”, per liberare le tensioni e ripristinare la calma interiore, potrebbero rivelarsi adatte anche sessioni di training autogeno, oppure sport “dolci” e meditativi come lo Yoga e il Pilates.

Fammi sapere. Tanti auguri.

Dott.ssa Valentina Giannella

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

Ricevo c/o New Medical Center
Via Statuto 8/A1, Arese
Tel. 039/6358423
Cel. 366/6436019
“Mi piace” https://www.facebook.com/serenamentepsicologia

www.serena-mente.it
Per questa rubrica scrivi a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...