QuiArese

Martedì 27 giugno 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Le scuole di Arese Cos'è il progetto alternanza scuola-lavoro

Cos'è il progetto alternanza scuola-lavoro

E-mail Stampa PDF

11 marzo 2016 - Cos’è l’alternanza scuola-lavoro di cui avete sentito parlare, anche su QuiArese, nei giorni scorsi? E’ il processo che ha portato otto ragazzi del liceo Russell a scrivere su queste pagine, e che ci viene illustrato dalla professoressa Raffaella Giampietro. L’idea di base è quella di permettere agli studenti di accedere a modalità di apprendimento parallele a quelle più tradizionali, ma che permettano loro, in contemporanea, di sviluppare delle competenze e almeno fornire loro uno sguardo su quello che è il mondo del lavoro. La miscela permette, nei casi più fortunati, di avvicinare gli studenti alla cultura e permette loro di viverla in maniera diretta.

In particolare il tutto si declina, nell’ambito dei licei, in duecento ore di stage da esaurire nel corso del triennio. Naturalmente l’attività sarà monitorata dalla scuola, rientrerà nel curriculum dello studente e fornirà, in specifici casi, dei crediti. Secondo la professoressa non esistono studenti lontani dal mondo del lavoro, anzi essi stessi sono già lavoratori, in quanto inseriti in un’attività produttiva, per cui afferma convinta che il progetto è pienamente utile ai ragazzi. Aggiunge anche che il progetto è un arricchimento della formazione culturale generale che il liceo fornisce, con il fine di semplificare agli studenti l’acquisizione di competenze e favorire la scelta professionale in futuro. Citando le parole della professoressa: “Vale la pena sottolineare che alternanza scuola-lavoro non significa solo operatività ma formazione alternativa ed educazione alla responsabilità e alla scelta autonoma”.

Le viene chiesto poi quali siano gli aspetti positivi che vanno valorizzati. Dopo la breve carrellata di prima, che di per sé sarebbe già sufficiente, la professoressa aggiunge che nei prossimi anni il progetto sarà funzionale alla lotta contro la dispersione scolastica, renderà gli studenti più responsabili e capaci di fornire possibilità di soluzioni alternative e metterà in risalto le capacità individuali e sociali, anche rapportate le une alle altre. Un altro aspetto su cui la docente si sofferma è la volontà del legislatore dell’acquisizione certificabile delle competenze, ovvero l’insieme delle risorse che chiunque mette in gioco in ambiente lavorativo.

A questo punto la domanda su quali siano gli aspetti negativi del progetto è inevitabile. E Giampietro stupisce ancora una volta, dichiarando che parlare di aspetti negativi è improprio. Di fatto la legge è l’attuazione di una norma che pende sulla scuola italiana da tempo. L’aspetto che a parere della docente va migliorato è l’informazione: la legge non è stata divulgata nel modo corretto e quindi male interpretata da molti studenti. Sostiene di lavorare anche su questo.

Raffaella Giampietro conclude con un’iniezione di entusiasmo. È soddisfatta di alcuni aspetti dell’attuazione del progetto quest’anno, li definisce come picchi di eccellenza, e tutti gli aspetti da migliorare le danno spunti per gli anni successivi in cui, è sicura, il progetto si evolverà. “Nessun progetto che si ripeta uguale di anno in anno avrebbe senso di esistere”, queste le sue parole. E lancia, forse involontariamente, un appello agli studenti: chiede loro di considerarsi privilegiati di essere accolti dalle aziende e di affrontare il progetto con entusiasmo, pazienza e resistenza alla fatica.

Servizio di Federico Isonni

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_centro_storico.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...