QuiArese

Sabato 21 ottobre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Le scuole di Arese Scuola finita, Pedibus parcheggiato. Ma pronto a ripartire!

Scuola finita, Pedibus parcheggiato. Ma pronto a ripartire!

E-mail Stampa PDF

22 giugno 2016 - La scuola è finita. Qualcuno è ancora impegnato con gli esami, ma ormai ci si può dire proiettati verso giornate di relax, di vera vacanza. Un riposo meritato, prima di ripartire, soprattutto per chi a settembre inizierà una nuova avventura: chi  nella scuola primaria, chi nella secondaria di primo grado e chi, invece, approderà al liceo… tutti diretti verso il proprio futuro. Cogliendo proprio queste riflessioni, vi raccontiamo brevemente di una bellissima esperienza vissuta da un piccolo gruppo di studenti che, oltre ad aver concluso un ciclo di studi, quello della scuola primaria, ha terminato anche il suo viaggio in Pedibus…

Già, per quattro anni questi ragazzi, come molti altri ad Arese, hanno raggiunto la scuola a piedi, accompagnati da alcuni volontari. Ogni mattina l'appuntamento era alle fermate del Pedibus (distribuite in varie zone di Arese in base alla posizione delle scuole primarie) puntuali ed entusiasti. Per quattro anni non c'è stata pioggia, vento, neve o nebbia che li abbia fermati! Una passeggiata che stemperava spesso la tensione prima di un compito in classe o di un'interrogazione o che rallegrava quelle mattine, in cui ci si alzava con la luna storta…

Insomma, il Pedibus non è stato per loro solo un modo per pensare all'ambiente, riducendo l'inquinamento, snellendo il traffico mattutino davanti alle scuole, ma anche l'opportunità per pensare a se stessi e di crescere passo dopo passo: stando all'aria aperta, facendo movimento, condividendo belle chiacchierate, sane discussioni, magari sulla partita di calcio della sera prima, guadagnandosi un po' di indipendenza, pur affidandosi ai volontari.

Questi ultimi che con i ragazzi intraprendono un cammino, non solo nel vero senso del termine, ma anche un percorso di crescita, all'inizio sono guide sicure, poi, esperti accompagnatori fino a diventare grandi compagni di viaggio. Lo scorso 8 giugno è stato l'ultimo giorno di scuola e l'ultimo tragitto in Pedibus. Il saluto tra ragazzi e volontari è stato una vera emozione per tutti, anche per i genitori presenti. Sono certa che quegli abbracci accompagneranno i ragazzi anche in futuro, quando ormai alla scuola media andranno da soli. Ma saranno anche la forza che farà proseguire i volontari con le nuove leve. E’ auspicabile che questa iniziativa, proposta e resa attiva dal Comitato Genitori Arese, possa proseguire in futuro e che tanti siano ancora i bambini pronti a non perdere il Pedibus e i volontari entusiasti di accoglierli.

Servizio di Simona Giudici

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_1.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...