QuiArese

Domenica 30 aprile 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Le scuole di Arese Dai Salesiani il doposcuola per i ragazzi delle medie

Dai Salesiani il doposcuola per i ragazzi delle medie

E-mail Stampa PDF

6 settembre 2016 - Vi è mai capitato di non sapere, per problemi lavorativi, di salute oppure familiari a chi affidare la cura e il benessere dei vostri figli? Il Centro Salesiano vi offre in questo caso una soluzione non solo sicura e pratica, ma anche gratificante dal punto di vista ricreativo, e magari formativo. L'iniziativa dei Salesiani va a coinvolgere i ragazzi delle scuole medie, e racchiude in sé il ventaglio di tutte queste opportunità. Ciò che si propone, infatti, sarebbe quello che desiderano di più i ragazzi: trovarsi insieme, conoscersi, confrontarsi, dividere pranzo, gioco, ricreazione, compiti... Per iscriversi basta prendere appuntamento per essere ricevuti da don Sandro Ticozzi (direttore del Centro), compilare il foglio di prenotazione e versare la quota d'iscrizione annuale, che corrisponde a venti euro.

Per chi lo desidera, c’è la possibilità di usufruire di un servizio mensa: ogni pranzo costa 5,20 euro, proposti in carnet da dieci buoni pasto alla cifra di 52 euro. Il servizio mensa non è assolutamente obbligatorio: in tal caso il costo settimanale, comprendente la merenda, scende a 18 euro.

Il luogo d'incontro, ovviamente, è il Centro Salesiano in via don della Torre 2, e qui gli studenti delle scuole medie potranno rimanere dalle 13:45 alle 18:00, supervisionati per tutto il tempo da un personale preparato. La ricreazione dura mezz'ora, e in questo spazio di tempo i ragazzi potranno fare ciò che sanno fare meglio: divertirsi e giocare.

Immediatamente dopo c'è l'ora della merenda, che finisce alle 16:45, per poi intraprendere attività che possono spaziare dai giochi ai laboratori, fino ai compiti, che vedono il loro termine alle 17:50. La giornata si conclude con un'attività denominata “buonasera”, e alle 18:00 i ragazzi sono liberi di tornare nei propri nidi domestici.

Questa iniziativa potrebbe essere una soluzione che non solo permette ai genitori che lavorano di sapere il proprio figlio in mani sicure, ma dà allo stesso tempo ai ragazzi la possibilità di avere un posto sicuro e divertente dove passare la giornata.

Ariel Conta

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

alfa_romeo.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...