QuiArese

Sabato 16 dicembre 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Mondo Scuola Le serate “ad elevato rischio culturale” del Russell

Le serate “ad elevato rischio culturale” del Russell

E-mail Stampa PDF

24 febbraio 2017 - Quest'anno gli Istituti B. Russell di Garbagnate e L. Fontana di Arese hanno deciso di organizzare presso la sede di Garbagnate (via S. Carlo 19) cinque serate ad "elevato rischio culturale", che si svolgeranno con una cadenza mensile fino a maggio. Le serate sono state ideate e organizzate dai due rappresentanti d'Istituto del liceo Russell, Alberto Dotti e Giovanni Bortolamai, con la collaborazione dei collaboratori scolastici e della preside Tiziana Monti, che fin da subito è stata molto entusiasta della proposta dando la sua completa disponibilità nel concedere l’apertura dell’istituto anche oltre l’orario curriculare.

Lo scopo è quello di avvicinare i giovani (e non solo) alla cultura in maniera differente rispetto a quanto si può apprendere dietro i banchi di scuola. I due ragazzi hanno dato la propria disponibilità per rilasciare un'intervista dove hanno avuto l'opportunità di spiegare come nata l'idea di queste serate e il loro svolgimento. I due hanno affermato che la loro idea è nata dalla voglia di "ampliare la possibilità di diffondere una cultura che non si basi sui libri o su spiegazioni, magari anche noiose, ma che sia frutto di un dialogo con degli esperti di diversi settori del sapere che ci possano raccontare le loro esperienze, il loro lavoro e le loro conoscenze che hanno ‘immagazzinato’ dopo anni di studio." Gli esperti in questione, e quindi anche i temi delle serate, non sono stati scelti con un criterio preciso, ma sono frutto del desiderio di spaziare tutte le aree del sapere, da quella umanistica a quella scientifica, così da avvicinare a questi incontri persone con interessi differenti.

La prima serata, che si è tenuta il 31 gennaio, ha visto come ospite il teologo Don Alberto Cozzi, che ha trattato l'argomento delle religioni in uno spazio pluralista. A questa serata hanno partecipato oltre ogni aspettativa più di 150 studenti, con la compagnia dei genitori e di persone esterne all'ambiente scolastico; questo è un chiaro segno che la cultura viene apprezzata e vissuta in prima persona anche dai giovani. Durante l’incontro, gli studenti e i genitori hanno partecipato attivamente, creando un dialogo diretto con l’esperto, favorendo un clima di arricchimento culturale.

Il prossimo evento sarà martedì 28 febbraio con la Polizia Postale e verterà intorno al tema del cyberbullismo, un problema attuale, molto frequente e pericoloso ai giorni nostri. L’incontro si terrà nel tardo pomeriggio, dalle 17.30 alle 19.30 in aula Magna, e non alla sera come al solito, per permettere alla Polizia Postale di svolgere il loro regolare turno di lavoro, che inizia verso le 21.

Servizio di Chiara Borroni e Aurora Picone

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...

 

"Da anni reclamavamo maggiore disponibilità locali"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta in merito all’articolo “Da biblioteca a sede delle associazioni: i costi” (leggi qui), nel quale venivano in...

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...