QuiArese

Domenica 30 aprile 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Mondo Scuola Come cambierà l'esame di maturità a partire dal 2018

Come cambierà l'esame di maturità a partire dal 2018

E-mail Stampa PDF

17 marzo 2017 - Tranquilli! Per gli studenti che dovranno sostenere quest’anno la Maturità non ci sarà nessun cambiamento: le novità entreranno in vigore nel 2018. È quanto prevede la legge delega sulla riforma degli Esami di Stato approvata dal CdM in via preliminare il 14 gennaio. Ecco alcune delle novità principali. Le prime riguardano l’ammissione agli esami, con la riforma che prevede che questa avvenga con la media del sei, compreso il voto di condotta, e non più con la sufficienza in tutte le discipline. Quindi potrà capitare che uno studente con 3 in matematica e 9 in condotta sia ammesso agli esami.

Inoltre, per poter essere ammessi sarà necessario aver frequentato almeno i tre quarti del monte ore previsto dal curricolum di studi, aver partecipato alle attività di alternanza scuola lavoro previste dalla legge 107 (200 ore nei licei e 400 nei tecnici e professionali da svolgere nel triennio) e aver partecipato nel corso del quinto anno alle prove nazionali Invalsi (con qualsiasi esito) volte a verificare i livelli di apprendimento in italiano, matematica e inglese.

Cambierà anche il sistema relativo al credito scolastico. Il percorso formativo dello studente acquisterà maggiore rilevanza in quanto il credito scolastico, anziché valere 25 punti, potrà arrivare fino a 40 punti, e di conseguenza avrà minor peso l’esame. Novità anche per le prove scritte, che non saranno più tre ma due (italiano e materia di indirizzo) e che varranno un punteggio massimo di 40 punti (20 per ogni prova); sarà quindi eliminata la temuta e spesso criticata terza prova. Verranno inoltre introdotte delle griglie per la correzione delle prove al fine di uniformare i criteri di valutazione delle commissioni d’esame. Un successivo decreto ministeriale deciderà in merito alla struttura della prova scritta di Italiano attualmente svolta sotto forma di saggio breve/articolo di giornale, analisi del testo, tema storico e di attualità.

Per quanto riguarda il colloquio orale, la commissione, al fine di accertare la preparazione culturale e professionale dello studente, proporrà al candidato l’analisi di testi, documenti ed esperienze per verificare le conoscenze, le competenze e la capacità di argomentare in maniera critica e personale anche utilizzando la lingua straniera. Sarà quindi la commissione e non lo studente a scegliere come iniziare il colloquio. Verrà dunque abbandonata l’esposizione della cosiddetta “tesina”, sostituita da una relazione e/o un elaborato multimediale sulle attività svolte in alternanza scuola/lavoro.

La Maturità del prossimo anno sarà come al solito accompagnata da ansia e preoccupazione da parte degli studenti e dal dibattito tra chi ritiene questo esame ormai inutile e chi vede nelle modifiche apportate una semplificazione che svuota ulteriormente di significato l’ultimo “rito di passaggio” di questa società.

Servizio di Carlo Carugati

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...