QuiArese

Domenica 30 aprile 2017
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Mondo Scuola La nuova Maturità non convince i docenti

La nuova Maturità non convince i docenti

E-mail Stampa PDF

24 marzo 2017 - Come visto nell’articolo di settimana scorsa (leggi qui), la riforma dell’Esame di Stato sta facendo molto discutere docenti e alunni. Abbiamo chiesto ad un insegnante di un istituto superiore il suo parere sulla proposta, in modo particolare sui nuovi criteri di ammissione. “Le modifiche riguardanti il nuovo esame di Stato - spiega il professore - rappresentano il solito cambiamento di facciata, che ancora una volta farà emergere le contraddizioni presenti nel nostro sistema scolastico”.

Un giudizio piuttosto netto, e condiviso da molti colleghi, che il docente passa a motivare: “Le nuove regole sull’ammissione - dice - la media del 6 anziché la sufficienza in tutte le discipline, non rappresenta un sostanziale cambiamento. Oggi pochissimi studenti non vengono ammessi all’esame di Stato; questo significa che i docenti valutano la preparazione globale dello studente, il percorso scolastico effettuato, e davanti a una insufficienza si trovano spesso a ‘mediare’. Il problema della valutazione è di più ampia portata: la scuola dovrebbe misurare un insieme di conoscenze e competenze considerate fondamentali, il raggiungimento di un sapere analitico-critico e non enciclopedico “.

Sul tema dell’inserimento delle prove Invalsi il docente ritiene che esse siano una modalità di verifica “distante” da quelle usate nella scuola italiana. “Non discuto - spiega - la validità delle prove, ma l’opportunità di usarle in una scuola molto diversificata e stratificata al suo interno. Vi è inoltre il rischio di una crescita del fenomeno denominato teaching to the test, ovvero un insegnamento finalizzato ad addestrare gli studenti più a rispondere al test che a rafforzare le competenze che questi richiedono”.

Sull’inserimento nel nuovo esame dell’Alternanza Scuola/Lavoro l’insegnante afferma: “Le ore obbligatorie di alternanza scuola/lavoro hanno richiesto alle scuole un grande impegno in questi due anni; non è stato facile, soprattutto per i Licei, trovare soggetti disponibili e capaci di proporre progetti significativi ed in linea con il profilo formativo dello studente. Sulla valutazione dell’esperienza in sede di Maturità aspettiamo indicazioni e chiarimenti”.

Servizio di Carlo Carugati

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

"Ok i nuovi alberi, ma c'è anche da fare manutenzione"

16 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo l’intervento di questo lettore che, prendendo spunto dall’articolo sul progetto di piantumazione di viale Luraghi (leggi qui), fa qu...

 

Perferi: "Il mio saluto al Maresciallo Giulio Vindigni"

02 dicembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera con la quale Gino Perferi, sindaco di Arese dal 1999 al 2009, saluta il comandante della caserma dei Carabinieri, Giulio ...

 

"L'amministrazione si è dimenticata di via Leopardi?"

04 novembre 2016 - Riceviamo e pubblichiamo queste segnalazioni di un lettore, che si riferiscono in particolare a via Leopardi e alle criticità che, secondo quanto sostiene il le...

 

"Diamo un senso... unico alle nostre biciclette"

Già nel luglio di quest’anno ho notato e fatto notare senza alcuna risposta il comportamento di molti aresini che percorrono contromano in bicicletta le vie Mattei e Caduti, e f...

 

Città del verde o "impero delle deiezioni canine"?

Buongiorno (mio marito vi ha già scritto per la pantegana davanti al canile credo, ormai ci conoscete.) Mi ricordo che mentre ero in dolce attesa e abitavamo a Roma nel 2007, (cit...