QuiArese

Domenica 24 giugno 2018
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Scuola Mondo Scuola Prove Invalsi, studenti più scettici dei docenti

Prove Invalsi, studenti più scettici dei docenti

E-mail Stampa PDF

04 giugno 2018 - Anche quest’anno sono tornate nelle scuole elementari, medie e superiori le famigerate prove Invalsi, ossia particolari test standardizzati (cioè uguali per tutti) destinati a valutare il livello di apprendimento degli studenti italiani durante il percorso scolastico. Tali esami si basano su valutazioni il più oggettive possibile e che consentano sia la realizzazione di un confronto con le altre agenzie formative europee e le altre scuole, sia una analisi delle debolezze del sistema formativo italiano. Con l’ausilio di quest’ultima il MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) potrà poi potenzialmente intervenire per apportare le opportune modifiche.

Molto spesso accade però che un’iniziativa di questo tipo non produca i risultati voluti o abbia degli “effetti collaterali”, perciò abbiamo chiesto ad alcuni studenti ed insegnanti le loro opinioni sulle prove Invalsi. Gli studenti intervistati si sono trovati sostanzialmente tutti d’accordo con la modalità di valutazione e, soprattutto, sul fatto che le prove non dicono nulla sul rendimento scolastico. Proprio per questo motivo alcuni ragazzi si sono rivelati dubbiosi riguardo all’attendibilità dei risultati e secondo diversi, dato che le prove si svolgono negli ultimi mesi di scuola, tolgono ore di lezione preziose magari per il recupero di insufficienze o per l’esercizio in preparazione alle verifiche.

Gli insegnanti sono, invece, apparsi molto divisi sulle effettive competenze verificate dalle prove, poiché secondo alcuni il livello delle domande è più basso di quello dei test fatti durante l’anno, mentre per altri un livello non troppo alto porta ad una eccessiva omogeneità nei risultati a livello nazionale. Molti insegnanti concordano con gli studenti riguardo all’utilità delle ore sottratte per svolgere le Invalsi. Un’altro fattore di divisione è risultata essere l’impersonalità della valutazione. Mentre per alcuni professori ogni studente deve essere valutato “conoscendolo” e tenendo conto della persona con cui si ha a che fare, per altri una valutazione esclusivamente basata sul punteggio e portata a termine da un ente esterno alla scuola non è solo più imparziale, ma anche più affidabile a livello nazionale.

In conclusione, come spesso succede, non c’è una sola “corrente di pensiero” a riguardo, ma secondo noi è sorprendente vedere che quelli più in disaccordo tra gli intervistati siano stati i professori e non gli studenti.

Servizio di Andrea Bellasio, Riccardo Paolucci, Emanuele Rottigni e Mattia Ambruosi

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...

 

"Alcuni commenti sullo stato del verde pubblico"

21 ottobre 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un aresino, di professione agronomo, che fa il punto, per la verità parrebbe non molto felice, sulla situazione del...

 

"Quegli attraversamenti pedonali sono pericolosi"

31 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore che segnala la pericolosità di alcuni attraversamenti pedonali sui viali Sempione e Gran Paradiso, con l...

 

"Il mio progetto per un parco giochi inclusivo"

19 maggio 2017 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di una lettrice che partecipato al bando relativo al bilancio partecipativo con un progetto relativo all’installazione di...