QuiArese

Lunedì 21 gennaio 2019
Text size
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Sport Calcio Gso: di nuovo in campo le "vecchie glorie"

Gso: di nuovo in campo le "vecchie glorie"

E-mail Stampa PDF

23 settembre 2016 - Ha riscosso un grande successo il ritorno in campo, sabato scorso, degli ex calciatori che avevano giocato nelle squadre del Gso negli anni ’60 e ’70. “Si è trattato - raccontano dall’associazione - di un tuffo nel passato biancorosso, anche se allora i colori erano arancio-viola, programmato accuratamente da mesi dallo staff”. L’evento è iniziato alle 17 con l’esibizione del settore giovanile nella gara tra la squadra nati 2007 contro squadra nati 2008. Incontro che ha visto sorprendentemente la vittoria dei più giovani, guidati dal tecnico Mauro Zacchetti. Alle 18 è stato invece il momento della standing ovation, con la chiamata in campo degli oltre 50 ex calciatori Gso che hanno voluto essere presenti alla manifestazione.

Gli storici atleti Gso, che sono entrati in campo accompagnati singolarmente dai giovani giocatori biancorossi, sono poi stati divisi in squadra bianca e squadre rossa. Dopo il saluto di Gigi Taddeo, presidente Gso, e del sindaco, Michela Palestra, che ha ricordato a tutti il ruolo del Gso a livello sociale sul territorio e l’importante promozione educativa con i giovani attraverso lo sport, è stata finalmente lasciata la parola al campo! Dove il pubblico ha potuto assistere a una bella partita suddivisa in tre tempi di 15 minuti che, pur se giocata non a ritmi forsennati (!), ha mostrato fraseggi in mezzo al campo, veroniche, triangolazioni, chiusure, dribbling, calciate di collo pieno… e anche qualche scontro ruvido a centrocampo! La partita è stata vinta dalla squadra dei rossi, che si aggiudicata l’incontro con il risultato di 4-2. Al fischio di chiusura tutti festosi a salutare a centrocampo e quindi sotto la doccia.

“E’ stata - concludono dal Gso - una bellissima occasione per rincontrarsi, conversare e raccontarsi gli anni vissuti. Condivisa in oratorio con i giocatori e le loro famiglie, per un totale di 95 persone. Commovente è stato anche l’intervento della ‘poetessa’ Marina Airoldi, che ha ricordato i tempi e le trepidazioni della competitiva squadra juniores del 1968 alle finali regionali Figc, il richiamo dei grandi valori dell’oratorio di ieri e di oggi e l’interpretazione quanto mai allineata del sodalizio Gso in termini di educazione sportiva”.

© riproduzione riservata

Questo articolo può essere commentato sulla pagina Facebook di QuiArese

 

Arese, la nostra città

il_comune_2.jpg

Il prossimo evento al QuiArese TechCafé

Banner

Banner

Banner

Le lettere

 

Vegetti: "Caro Cda, è così che si torna riferimento sociale?"

12 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questa lettera di Achille Vegetti, fino al maggio 2017 presidente della Cooperativa Agricola Edificatrice. Nella quale Vegetti sostiene ...

 

Studentessa aresina premiata dai Maestri del Lavoro

03 dicembre 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo contributo di Giorgio Fiorini, che ci parla del Convegno “Scuola-Lavoro” organizzato dal Consolato milanese della Federmaestr...

 

Zaffaroni: "Non si uccidono così le tradizioni"

Caro direttore,ieri sera, 29 giugno 2018, si è consumato ad Arese l’ennesimo scempio nei confronti della cittadinanza, dei commercianti e delle tradizioni. La festa patronale...

 

Vegetti: "Comunali, perché non ci sarà una lista di sinistra"

04 giugno 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di Achille Vegetti, ex portavoce della sezione cittadina di Sinistra Ecologia e Libertà, che spiega l'assenza di una li...

 

"Riaprire piazza alle auto non incentiva il commercio locale"

25 maggio 2018 - Riceviamo e pubblichiamo questo intervento di un lettore, che commenta la proposta avanzata dal candidato del centrodestra, Vittorio Turconi, nella serata di confr...